Cronaca

Violenza privata e minacce: la giustizia presenta il conto a due persone

Uno è stato condannato per violenza privata, l’altro per minacce. La giustizia presenta il conto a due persone residenti nella provincia di Brindisi. Il 42enne Giuseppe Cordella, di Ostuni, deve espiare la parte residua di una pena pari a un anno di reclusione per violenza privata. L’uomo è stato arrestato in regime di domiciliari dai carabinieri della stazione di Carovigno

Uno è stato condannato per violenza privata, l’altro per minacce. La giustizia presenta il conto a due persone residenti nella provincia di Brindisi. Il 42enne Giuseppe Cordella, di Ostuni, deve espiare la parte residua di una pena pari a un anno di reclusione per violenza privata. L’uomo è stato arrestato in regime di domiciliari dai carabinieri della stazione di Carovigno, in esecuzione di un provvedimento restrittivo emesso dall’Ufficio sorveglianza della Procura della Repubblica di Lecce.  

Si sono aperte le porte della casa circondariale di Brindisi, invece, per il 41enne Dario Tricarico, nato a Mesagne. Questi deve scontare la parte residua di una condanna a cinque mesi di reclusione per minacce. A suo carico è stato emesso un provvedimento restrittivo emesso dalla Procura generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Lecce. L’atto gli è stato notificato dai carabinieri di Brindisi centro. 

A San Pietro Vernotico, intanto, sono stati denunciati due nigeriani di 31 e 32 anni che durante un controllo non hanno esibito i proprio documenti di identità. Entrambi ad ogni modo erano in regola con il permesso di soggiorno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza privata e minacce: la giustizia presenta il conto a due persone

BrindisiReport è in caricamento