Violenze e minacce di morte ai genitori per comprare la droga: arrestato

L’ordinanza è stata eseguita al rientro dalla sua permanenza in Germania dove aveva scontato una pena per spaccio di stupefacenti

MESAGNE - Minacce gravi e violenza. Si è reso responsabile di questi reati un 31enne di Mesagne raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Brindisi, ed eseguita dai poliziotti del locale commissariato, diretti dal vice questore Vincenzo Maruzzella. L’ordinanza è stata eseguita al rientro dalla sua permanenza in Germania dove aveva scontato una pena per spaccio di stupefacenti. 

Le vittime di questi episodi di violenza sia fisica che verbale sono i genitori dai quali pretendeva “con sempre maggior frequenza e in maniera sempre più esosa, denaro per poter acquistare della sostanza stupefacente”. Si legge nella nota del commissariato. Atti di violenza che si sono verificati per cinque anni e che solo a ottobre del 2019 le povere vittime sono riuscite a denunciare, quando la situazione è diventata insostenibile. 

“Continui erano gli atti di violenza e le minacce subite a causa della condizione di tossicodipendenza del figlio che erano costretti ad assecondare e quotidiane erano le richieste di denaro per evitare che il figlio reagisse compiendo ulteriori e più gravi atti di violenza fisica verso i familiari”.

Non sono mancate le minacce di morte, le continue manifestazioni di ira e la sistematica distruzione degli arredi presenti in casa. In più occasioni  ha minacciato di dare fuoco alla casa familiare qualora i familiari non gli avessero consegnato ogni giorno le somme necessarie per l’acquisto di droga. 

Le indagini rapidamente condotte hanno delineato un quadro probatorio abbastanza grave, ma particolarmente attendibile è stata la testimonianza dei familiari. A supportare il grave quadro anche il fatto che l’uomo era noto alle forze dell’ordine proprio per il suo carattere violento e per la sua tossicodipendenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante l’attività investigativa il 31enne si è allontanato da casa dicendo ai genitori che si stava recando in un centro per disintossicarsi. Invece era finito in Germania dove era stato arrestato per possesso di stupefacenti. Una volta tornato a Mesagne, scontata la pena, gli è stata notificata l’ordinanza per le violenze nei confronti dei genitori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento