menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giunta Carluccio, resta il nodo del vice sindaco: non si trova

Anche Cor si candida per il ruolo dopo l'ingresso di De Maria e Di Donna. I Coerenti alla ricerca di un professionista per la delega all'Ecologia e ai Rifiuti: il nome di un ex finanziere tra le ipotesi. Intanto deleghe speciali ai consiglieri Sergi per la Casa, a Loiacono per la Cultura, a Stasi per l'Università e a Rollo ai Servizi sociali

BRINDISI – Resta senza vice sindaco la Giunta di Angela Carluccio. L’esecutivo è ancora claudicante dopo il primo rimescolamento delle carte per permettere la staffetta nei Cor, annunciata da tempo, perché se sulla carta il ruolo spetta ai Coerenti per Brindisi di Pasquale Luperti ancora senza assessore, sembra che ci siano ambizioni degli stessi fittiani.

Da destra, Piero Siliberto, Raffaele De Maria e Consiglia Tau-2I Conservatori e riformisti nelle ultime ore sarebbero tornati alla carica dopo gli arrivi di Raffaele De Maria alle Attività produttive al posto di Cosimo Laguercia, proiettato al Consorzio di Torre Guaceto, e Michele Di Donna alla Programmazione economica, lasciata da Marina Miggiano che siederà in Consiglio comunale. Staffetta in ossequio all’accordo pre-elettorale interno al gruppo, secondo cui nella squadra di governo ci sarebbero stati i più suffragati. Perché allora iniziare con i non eletti? A quanto pare la lista che fa capo a Raffaele Fitto avrebbe testato la sindaca e i suoi centristi sul piano amministrativo. Non va dimenticato che inizialmente si rincorrevano voci di un sostegno esterno, in linea con quanto deciso da Carmelo Palazzo. Ma a differenza di Impegno sociale, i Cor hanno una rappresentanza nazionale, in Parlamento, con Nicola Ciracì e Vittorio Zizza, e sembra che nella dialettica tutta interna ai fittiani l’abbiano spuntata i non brindisini secondo i quali il governo della sindaca Angela Carluccio va sostenuto. Anche dopo che è venuto a galla l’incontro con i vertici Enel che i consiglieri comunali di Brindisi, compreso il presidente delle Assise Pietro Guadalupi, avevano denunciato.

Quella contestazione sarebbe stata messa a tacere dalla corrente “non brindisina” che, pur essendo forestiera, rivendicherebbe un ruolo nel capoluogo in proiezione elettorale. Perché non va dimenticato che i giochi per le politiche sono iniziati eccome e i parlamentari sono in cerca di conferme. Con un sfondo simile (ammesso che queste voci siano effettivamente corrispondenti al vero) il gruppo dei brindisini sarebbe stato costretto a stopparsi e a fronte del silenzio post incontro Enel, sul tavolo della sindaca sarebbe stata messa in discussione la casella del vice. Vuota. Da riempire per dare completezza alla squadra. I Cor sarebbero alquanto interessanti, ma devono fare i conti da un lato con le ambizioni di Salvatore Brigante, assessori ai Lavori Pubblici per i Democratici per Brindisi che quel ruolo lo ha svolto sia pure per una settimana agli inizi di settembre, quando Angela Carluccio si è concessa le ferie, dall’altro con i Coerenti per Brindisi di Pasquale Luperti, unica forza di maggioranza non ancora rappresentata in Giunta.

Stando all’intesa fra i moderati, dovrebbero essere i Coerenti a fare un nome per il vice sindaco, a cui affidare la responsabilità dell’Ecologia con annessa gestione dei rifiuti. Nome esterno perché il capogruppo intende fare affidamento a un professionista e ha avviato da giorni un giro di consultazioni, nel quale pare sia compreso anche un ex finanziere. Finora nessuna conferma.

E’ certo, invece, che alcuni consiglieri comunali abbiano fatto un passo in avanti, diventando titolari di “deleghe speciali”, assegnate con il sempre attuale manuale Cencelli: dopo i servizi sociali riconosciuti a Marika Rollo dei Coerenti, già assessore con quella delega per il Pd, la sindaca ha riconosciuto a Luigi Sergi dei Democratici la Casa che fa pendant con i Lavori Pubblici di Brigante, a Luciano Loiacono della stessa lista la Cultura in abbinamento con la Pubblica istruzione dell’assessore Maria Greco e l’Università a Marco Stasi di Noi Centro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento