Politica

Marino: “Con Forza Italia, partita chiusa: io non ci sto”

"Si parla solo di nomi e poltrone, non di progetti per Brindisi". Il presidente dell'Enel Basket prende le distanze: "Non devono usare la mia persona per dimostrare che stanno lavorando". Fuori, per il momento

Nando Marino

BRINDISI – “Con Forza Italia la partita è chiusa, chiusissima perché non condivido il metodo, pensano ai nomi e non ai programmi elettorali e ai progetti per Brindisi”: Nando Marino, presidente dell’Enel Basket, mette il punto alla storia con gli Azzurri e si tira fuori dalla possibile formazione di centrodestra in vista del ritorno al voto nel capoluogo. Almeno per il momento, perché si sa che niente è per sempre, men che meno in politica.

Allo stato dei fatti, Marino ha detto quel che pensa e le sue parole, chiare e concise,risuonano negli ambienti di Forza Italia, partito alla testa della coalizione, e rimbombano nelle sedi degli alleati, alla vigilia dell’incontro in cui i coordinatori provinciali avrebbero dovuto affrontare il tema elezioni e sciogliere il nodo candidato sindaco. Il punto, in effetti, sarebbe proprio questo: il nome, solo il nome e niente di più.

“Forza Italia mi sembra impegnata a parlare solo di poltrone, di nomi da spendere, non a lavorare su proposte concrete”, sostiene Marino. “Stando così le cose, non sono interessato e soprattutto non posso tollerare che venga usato il mio nome per dimostrare che stanno lavorando. Io non ci sto”, dice.

Il tono, al telefono, è chiaramente sostenuto, di chi è arrabbiato. Cosa sia successo effettivamente tra Marino e Forza Italia possono saperlo solo i diretti protagonisti, quel che rileva adesso è che il presidente dell’Enel Basket dichiara di aver chiuso il discorso, di essersi sfilato dalla partita elettorale. La domanda, di conseguenza, è d’obbligo: “Chiusura definitiva?” Risposta: “Per me sì, per il momento chiusissima”. Resta da capire cosa succederà adesso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marino: “Con Forza Italia, partita chiusa: io non ci sto”

BrindisiReport è in caricamento