menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dipendenti di Brindisi Multiservizi

Dipendenti di Brindisi Multiservizi

Voto su Multiservizi: attacchi all'opposizione consiliare

Chi ha designato alla testa della società in house un amministratore, con procedura sepolta da una valanga di critiche, bocciato dagli stessi sindacati, oggi attacca l'opposizione consiliare che non si è accodata a tali scelte

BRINDISI - Chi ha designato alla testa della società in house un amministratore, con procedura sepolta da una valanga di critiche, bocciato dagli stessi sindacati, oggi attacca l'opposizione consiliare che non si è accodata a tali scelte, e dopo aver condotto una intera campagna elettorale cavalcando la tigre della crisi di Brindisi Multiservizi, a qualche ora di distanza da una turbolenta seduta del consiglio comunale sulla fusione tra le due partecipate del Comune di Brindisi, la stessa Bms ed Energeko, diffonde un comunicato per condannare la posizione assunta dalla minoranza. 

“I consiglieri comunali d’opposizione, non votando l’atto d’indirizzo relativo al futuro della Multiservizi hanno dimostrato ancora una volta quanto fossero davvero interessati a tutelare quelle 200 famiglie e quanto invece non abbiano cavalcato strumentalmente la questione, durante tutte queste settimane, con l’unica finalità di vanificare il lavoro dell’Amministrazione comunale”: in una nota sottoscritta da tutte le forze di maggioranza (Noi Centro-Bpt, Conservatori e Riformisti, Democratici e Socialisti) viene stigmatizzato il comportamento tenuto in aula da chi aveva sbandierato ai quattro venti il suo interesse per le sorti della Multiservizi".

Il comunicato è firmato da Noi Centro - Brindisi prima di tutto, Conservatori e Riformisti e dall'appena nato gruppo consiliare Democratici e Socialisti fondato dal transfuga Damiano Flores, che ha lasciato il gruppo consiliare del Pd per passare armi e bagagli con la maggioranza guidata da Marcello Rollo e Massimo Ferrarese.

“Se i consiglieri di maggioranza, sulla scia del percorso tracciato dalla Giunta, non avessero approvato l’atto di indirizzo, per esaminare il quale era stato appositamente convocato d’urgenza il Consiglio comunale (per altro richiesto con insistenza anche dall’opposizione), quest’oggi sarebbe stata scritta una delle pagine più tristi della storia recente del Comune di Brindisi e probabilmente ogni tentativo di far sopravvivere la Multiservizi sarebbe stato vanificato”.

Ora vedremo che fine farà la deliberata fusione tra Energeko e Brindisi Multiservizi, e a chi toccherà amministrare la nuova creatura. A Brindisi, a quanto pare, non mancano le menti geniali non laureate ma esperte in salvataggi aziendali. In ogni caso, stando alle cronache del consiglio comunale, questa mattina pare proprio che invece sia stata scritta una delle pagine più tristi della storia recente del Comune di Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

  • Emergenza Covid-19

    Covid: prime vaccinazioni con Johnson & Johnson nel Brindisino

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento