Politica San Vito dei Normanni

San Vito: "Se sarete eletti, impegnatevi a dimezzarvi le indennità"

Un invito a tutti i candidati sindaco ad impegnarsi, in caso di vittoria alle prossime elezioni comunali, a dimezzare la propria indennità e quella degli assessori con cui formerà la giunta. Arriva dal comitato civico "La voce del cittadino", che ha diffuso l'appello in queste ore

SAN VITO DEI NORMANNI - Un invito a tutti i candidati sindaco ad impegnarsi, in caso di vittoria alle prossime elezioni comunali, a dimezzare la propria indennità e quella degli assessori con cui formerà la giunta. Arriva dal comitato civico "La voce del cittadino", che ha diffuso l'appello in queste ore. Nell'appello non ci sono però inviti a non sprecare denaro nella campagna elettorale, anche se ciò non incide sulle finanze pubbliche, ma sarebbe comunque un bel segnale di austerità, nè si spiega come dovrebbe vivere chi, per fare il sindaco o l'assessore a tempo pieno, dovesse chiedere la collocazione in aspettativa senza stipendio.

Ma probabilmente l'invito è rivolto a chi intende fare l'amministratore a metà servizio, e in tal caso l'appello potrebbe essere accolto. "In un momento di grave crisi finanziaria, tagliare le spese si può e si deve magari iniziando dai costi della Politica sia a livello nazionale sia a livello locale. La società civile rappresentata dal Comitato civico “La voce del cittadino” con questa lettera aperta invita pubblicamente tutti i candidati sindaci per le prossime elezioni comunali, se eletti, ad impegnarsi per iscritto a dimezzare la loro indennità di funzione (stipendio), imponendo la riduzione anche ai futuri amministratori (assessori)", si legge nel comunicato.

"Del resto, non ci troveremmo di fronte ad una novità in quanto, in diverse realtà locali, tanti amministratori lo hanno già fatto. I risparmi di tale lodevole e meritoria iniziativa - scrive 'La voce del cittadino' - sarebbero trasferiti su un apposito fondo sociale per l’assistenza a quelle categorie di persone socialmente svantaggiate (bambini bisognosi che non possono frequentare la mensa scolastica, anziani, soggetti diversamente abili, ecc.). Condividere e sottoscrivere il presente appello sarebbe un primo importante segnale di discontinuità con il passato per una politica che privilegi più equità e solidarietà a discapito di personalismi e interessi di parte. Una 'San Vito più vera e solidale', noi l’aspettiamo, che qualcuno ce la consegni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Vito: "Se sarete eletti, impegnatevi a dimezzarvi le indennità"

BrindisiReport è in caricamento