menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Camion sul basolato per favorire il turismo? Una delibera assurda"

L’ultima “trovata” della giunta Carluccio è contenuta nella delibera numero 164 e trova la sua completa illogicità nell’oggetto della stessa, in cui si legge “Transito in aree con pavimentazione in basolato con veicoli di portata superiore a 35 quintali”

BRINDISI - Pubblichiamo una nota inviataci dal consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Stefano Alparone, a proposito del transito dei mezzi pesanti nel centro cittadino di Brindisi, a danno della pavimentazione in basole calcaree dei corsi principali.

L’ultima “trovata” della giunta Carluccio è contenuta nella delibera numero 164 e trova la sua completa illogicità nell’oggetto della stessa, in cui si legge “Transito in aree con pavimentazione in basolato con veicoli di portata superiore a 35 quintali”. Ma il capolavoro, se il titolo non fosse sufficiente, lo troviamo nella relazione del dirigente del settore Lavori Pubblici.

Prima si cita la precedente deliberazione numero 9453 del 3 gennaio 2012 del commissario straordinario che, "al fine di preservare le pregiate pavimentazioni in basolato calcareo realizzate nel centro cittadino", istitutiva il divieto di transito libero per i mezzi di portata superiore a quintali 35. Poi le motivazioni di questa scelta “strategica”.

 “L’amministrazione comunale ha tra i propri obiettivi quello di favorire lo sviluppo economico della città al fine di ridurre i disagi sociali rivenienti dall’alto livello di disoccupazione, anche attraverso lo sviluppo del commercio e di tutte le attività economiche necessarie ad aumentare l’attrattività della città di Brindisi per il turismo o qualsiasi altra fonte di incremento del Pil locale”.

Dunque, ricapitolando, secondo la giunta Carluccio “per favorire il rilancio economico e conseguentemente occupazionale del territorio” è necessario far transitare in pieno centro storico e su una pavimentazione pensata e realizzata per accogliere un traffico pedonale, veicoli sino a 12 tonnellate.

Ci piacerebbe conoscere se è stata preventivamente fatta una stima dei costi di manutenzione del basolato - già duramente provato dal traffico veicolare cittadino - che non è difficile intuire subirà ulteriori e continui danneggiamenti a causa di questa delibera sconsiderata. E’ bene ricordare alla sindaca, che questi costi ulteriori graveranno per intero sulle spalle dell’Ente dunque sulle tasche dei cittadini. Infine se questi sono gli interventi per rilanciare l’occupazione e l’economia probabilmente qualcuno, o sarebbe dire molti, hanno decisamente sbagliato “mestiere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento