rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Politica Mesagne

"Matarrelli sindaco più amato d'Italia". Ma il sondaggio era commissionato dal Comune

La nota del Movimento libero e progressista punta il dito contro la scelta costata 8.540 euro alle casse comunali. La ricerca, condotta da Yoodata, assegnava percentuali di gradimento bulgare al primo cittadino

MESAGNE - Neanche il tempo di terminare i festeggiamenti per l'ambita palma di "sindaco più amato d'Italia", che il titolo va rivisto. Almeno nella forma. Il sondaggio di Yoodata che il 16 novembre scorso ha incoronato il mesagnese Toni Matarrelli primo cittadino tra i primi cittadini è stato commissionato dallo stesso Comune di Mesagne, guidato proprio da Toni Matarrelli, giustappunto definito primo cittadino tra i primi cittadini. A notare la "singolare coincidenza" ci pensa oggi (martedì 21 novembre) il Movimento Libero e Progressista, movimento politico mesagnese. E a corroborare quanto affermato - carta canta e villan dorme - ci pensa la determinazione numero 2145 del 18 settembre. 

Certo, nessuno mette in dubbio la metodologia usata da Yoodata né il risultato in sé, che ha visto percentuali bulgare riguardo il gradimento di Matarrelli tra i concittadini. Ma il sondaggio, come scoperto in un secondo momento, era stato commissionato dallo stesso Comune. Sapere che l'ente pubblico ha utilizzato 8.540 euro di soldi pubblici per far realizzare questa ricerca, cambia il senso della notizia. E proprio riguardo quell'articolo, ci scusiamo con i lettori. L'oggetto del servizio, stando alla determinazione di settembre, è "indagine di analisi dei bisogni e della soddisfazione dei cittadini della città di Mesagne". I risultati sono stati eccellenti, va detto, e così Matarrelli è stato definito "sindaco più amato d'Italia". Un po' frettolosamente, va detto anche questo.

Matarrelli, per la sua azione amministrativa, per la sua storia politica e per la cura dei rapporti e delle relazioni, gode sicuramente di un ampio consenso, supportato anche dalle sue scelte. E' presidente della Provincia di Brindisi e dell'Autorità Idrica Pugliese. A proposito, proprio quel fatidico 16 novembre il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Luigi Caroli aveva stilato un comunicato stampa proprio su una scelta di Matarrelli: quella di affidare il ruolo di addetto stampa di questo secondo ente a un giornalista, che incidentalmente era stato testimone di nozze dello stesso Matarelli. Nulla di illecito, tutto condotto con i santi crismi. Il professionista, tra l'altro, è un giornalista stimato. Ma per Caroli la questione riguarda l'opportunità di scegliere - con incarico fiduciario - tra 32 candidati, proprio un amico. Chiusa parentesi.

Tornando alla stretta attualità, il Movimento Libero e Progressista coglie l'occasione per tirare una serie di stoccate al primo cittadino mesagnese: "Voi vi affannate per pagare la Tari? Beh, per rimanere in tema, il nostro sindaco spende i vostri soldi per commissionare un sondaggio spazzatura. Quando domattina 'uscirete' l'umido, pensateci". Poi, gli avversari maramaldeggiano azzardando un'analisi psicologica: "Da un'altra prospettiva, è come se i mesagnesi avessero speso 8.000 euro per dire al loro sindaco quanto è bravo. Lo avesse chiesto a noi, pur di colmare tutte le sue insicurezze, glielo avremmo detto gratis. Perché qui, parliamoci chiaro, siamo di fronte ad un uomo dall'ego smisurato ma dalla scarsa autostima. Non gli basta più esser votato, ha bisogno di sentirsi valorizzato, apprezzato".

I risvolti psicologici forse è meglio lasciarli agli esperti della disciplina. Ma il Movimento Libero e Progressista ha colto nel segno, facendo notare che alla notizia di "sindaco più amato d'Italia" manca un dettaglio fondamentale: chi ha commissionato questo benedetto sondaggio. E' bene ripeterlo: nessuno mette in dubbio la bontà del sondaggio - che, stando all'oggetto, riguarda più che altro la soddisfazione dei mesagnesi -, né l'indice di gradimento di Toni Matarrelli, né tantomeno è in ballo la correttezza di chicchessia. Ma qui si parla, di nuovo, di opportunità: è conveniente per un sindaco che con una determina - che prevede un esborso di soldi pubblici - si commissioni un sondaggio per capire quanto è amato (e lo è, probabilmente) il sindaco di cui sopra? Urge un altro sondaggio per avere una risposta certa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Matarrelli sindaco più amato d'Italia". Ma il sondaggio era commissionato dal Comune

BrindisiReport è in caricamento