menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il PalaPentassuglia gremito (Ph V.Massagli)

Il PalaPentassuglia gremito (Ph V.Massagli)

Torna la luce nelle palestre

BRINDISI - L'energia elettrica negli impianti sportivi della città è tornata: la Natuna, società che si occupa della custodia, pulizia e manutenzione degli stessi ha versato ieri sera le somme reclamate dalla Energetic Source di Paderno in Franciacorta (Brescia), azienda che eroga l'energia elettrica negli impianti. Ricevuto il bonifico (non è noto l'ammontare della somma) la società lombarda ha chiesto ad Enel spa, che gestisce la rete di distribuzione, di procedere al riallaccio delle utenze, cosa che sta già avvenendo da qualche ora.

BRINDISI - L'energia elettrica negli impianti sportivi della città è tornata: la Natuna, società che si occupa della custodia, pulizia e manutenzione degli stessi ha versato ieri sera le somme reclamate dalla Energetic Source di Paderno in Franciacorta (Brescia), azienda che eroga l'energia elettrica negli impianti. Ricevuto il bonifico (non è noto l'ammontare della somma) la società lombarda ha chiesto ad Enel spa, che gestisce la rete di distribuzione, di procedere al riallaccio delle utenze, cosa che sta già avvenendo da qualche ora.

La vicenda però non dovrebbe concludersi qui: l'Amministrazione comunale aveva già nel mirino la Natuna per le modalità con cui gestiva gli impianti, ed ora Consales chiede il risarcimento dei danni provocati alle società sportive brindisine. Calcolarsi non sarà semplice: più che altro si potrà parlare di danno d'immagine per Brindisi. La storia di certo ha offerto diversi buoni spunti per scrivere battute ironiche su Facebook: la città che ospita la centrale elettrica più importante del Mezzogiorno d'Italia e che ha Enel come main sponsor del basket, si è ritrovata con i palazzetti e le palestre senza luce; la stessa partita Enel Basket-Pesaro ha rischiato di non essere giocata (con rischio di figuraccia nazionale e 0-2 a tavolino) perché la richiesta di distacco era stata inviata da Energetic Source all'Enel già venerdì 9 novembre; infine, nel giorno in cui il sindaco (ieri) annunciava che Enel verserà al Comune quasi 23 milioni di euro per Ici e Imu, si è scoperto che l'Enel non è nemmeno il fornitore diretto dell'energia elettrica negli impianti comunali.

Si potrà pure sorridere, ma sono sorrisi amari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento