Sabato, 12 Giugno 2021
Politica

Grotte di San Giovanni "off limits", la mozione dei Cinque Stelle

Un problema burocratico ne impedisce l'accesso ai visitatori. I consiglieri Ruggiero e Caroli chiedono un sopralluogo all'Amministrazione

SAN VITO DEI NORMANNI - "E' ora che la politica si prenda delle responsabilità prima che sia troppo tardi" ha dichiarato Marco Ruggiero che, insieme ad Anna Caroli, ha depositato nei giorni scorsi una mozione a nome del Movimento 5 Stelle di San Vito riguardante l'insediamento rupestre di San Giovanni. Il complesso di grotte, impreziosite da iscrizioni e affreschi, è situato in contrada Cafaro in territorio di Brindisi, ma dal 2004 è parte del patrimonio storico-culturale sanvitese. Tuttavia, un problema burocratico ne impedisce l’accesso e la fruizione.

Marco Ruggiero e Anna Caroli-3

"Abbiamo sollecitato la passata Amministrazione con un'interpellanza e alcune proposte per sbloccare lo stallo che dura da troppo tempo" ricorda Ruggiero, che nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale ha incalzato sul tema anche l'attuale Giunta. Con questa mozione, il gruppo consiliare M5S torna sull'argomento, chiedendo all'Amministrazione di convocare in tempi brevi un sopralluogo per verificare innanzitutto le condizioni in cui versa il sito, per poi individuare delle azioni che, una volta risolto il nodo burocratico, tutelino e valorizzino il bene attraverso un progetto di recupero.

"Le grotte di San Giovanni - sottolinea il M5S - sono un tesoro abbandonato e nascosto tra i rovi che non possiamo valorizzare per uno stupido problema burocratico che nessuno ha voluto risolvere". La mozione dovrebbe essere discussa durante il prossimo Consiglio Comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grotte di San Giovanni "off limits", la mozione dei Cinque Stelle

BrindisiReport è in caricamento