menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza Ciaia e sullo sfondo il municipio di Fasano

Piazza Ciaia e sullo sfondo il municipio di Fasano

Torre Canne: ecco come cambierà volto la borgata

FASANO - Nuovo look, per un lungomare da cartolina: pavimento in pietra lavica, fontana artistica e piante ornamentali. La borgata del futuro è già sulla carta. E presto inizieranno i lavori. Sono state infatti aggiudicate all’impresa “Consorzio Stabile Policost” di Roma le opere relative alla riqualificazione dell’arredo urbano di Torre Canne, frazione balneare di Fasano. Investimenti per poco meno di un milione e mezzo di euro, quelli già programmati, che l’impresa laziale si è aggiudicata con un ribasso a base d’asta del 14,277 per cento sul prezzo a base d’asta.

FASANO - Nuovo look, per un lungomare da cartolina: pavimento in pietra lavica, fontana artistica e piante ornamentali. La borgata del futuro è già sulla carta. E presto inizieranno i lavori. Sono state infatti aggiudicate all'impresa "Consorzio Stabile Policost" di Roma le opere relative alla riqualificazione dell'arredo urbano di Torre Canne, frazione balneare di Fasano. Investimenti per poco meno di un milione e mezzo di euro, quelli già programmati, che l'impresa laziale si è aggiudicata con un ribasso a base d'asta del 14,277 per cento sul prezzo a base d'asta.

«È il primo dei due interventi relativi alle nostre marine ed inseriti - afferma Donato Ammirabile, consigliere comunale delegato dal sindaco ai Lavori pubblici - nell'ambito della pianificazione della cosiddetta "Area vasta" che va, è il caso di dirlo, in porto. L'intervento su Torre Canne cambierà completamente la sky-line della parte centrale della nostra località turistica, conferendo decoro all'intera zona, dalla piazza al lungomare, che oggi versa in uno stato di completo abbandono. Occorre sottolineare che abbiamo dovuto fare i salti mortali, da un punto di vista burocratico, per riuscire a presentare il progetto e tutta la documentazione allegata nei termini stabiliti dalla Regione, ossia entro lo scorso 15 luglio, grazie anche all'impegno dell'Ufficio comunale Lavori pubblici e della dirigente Rosa Belfiore. Senza il rispetto di questo termine - puntualizza Ammirabile - avremmo perso la premialità, cioè la possibilità di utilizzare, nell'ambito dell'intera Area vasta, i ribassi d'asta per altre opere pubbliche".

I lavori previsti a Torre Canne inizieranno il prossimo mese di settembre prossimo, proprio per evitare di creare disagi a turisti, vacanzieri e villeggianti che in questo periodo popolano in gran numero la località balneare. Il progetto, redatto dagli architetti Mauro Sàito e Pietro Cupertino, prevede interventi nell'area relativa alla piazza compresa tra le vie Lipari, Caprera e Pisa, ed al lungomare tra via Capri e via Eroi del Mare fino a poco oltre l'area dove è posta la fontanina dell'acquedotto.

In particolare, verrà risistemata completamente la piazza che avrà un'immagine completamente diversa da quell'attuale, con uno spazio centrale, pavimentato in pietra lavica e calcarea e con minimali rialzi laterali della pavimentazione allo scopo di creare degli spazi in cui ci si potrà sedere, con panche ma anche con la realizzazione di una vasca-fontana. E a corredo: opere artistiche e la messa a dimora di palme e tamerici, oltre all'installazione di lampioni nuovi.

"Più esattamente - spiega Ammirabile - sono previste due sequenze di alberi di tamerici, una fontana con forme scultoree di pesci in pietra colorata, due sistemi di sedute in pietra in fondo alla piazza e sul mare. Le lastre di protezione delle radici delle piante di arredo rappresenteranno simbolicamente le reti da pesca. In particolare - precisa sempre Ammirabile - le sedute nella piazza saranno caratterizzate da un sistema di più panche gradonate poste sul lato fra le vie Lipari e Caprera, e da rialzi laterali della pavimentazione della piazza, oltre che dalle panche poste ai bordi della vasca-fontana, la quale avrà forma trapezoidale. Integrata alla vasca sarà presente un fontanino in pietra con un cannello in ottone da cui, con apertura a pulsante, si potrà attingere acqua potabile. Al centro del piano di riqualificazione anche lo spazio del belvedere con la rimozione del muretto in calcestruzzo, la salvaguardia dei tre tamerici già esistenti e con la posa in opera di pavimentazione in pietra calcarea e lavica e di una lunga panca sotto gli alberi".

Non solo. Il Lungomare di via Eroi del Mare, puntualizza Ammirabile, verrà risistemato: "Si ridefiniranno i marciapiedi, se ne realizzeranno di nuovi, si piazzeranno panche in pietra, lampioni nuovi, e si piantumeranno nuove palme". L'intervento, che giungerà fino all'esistente fontana dell'acquedotto, prevede, peraltro, proprio la sostituzione della vecchia fontana con una fontanina nuova in pietra. Tutte le aree saranno fruibili anche dai disabili, grazie alla realizzazione di apposite rampe d'accesso. "Per la prossima stagione estiva - conclude il consigliere comunale Ammirabile - Torre Canne avrà il suo buon biglietto da visita per turisti e vacanzieri».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento