Mercoledì, 22 Settembre 2021
settimana Mesagne

Tokyo 2020: trionfa il mesagnese Vito Dell’Aquila, suo il primo oro azzurro

Nella disciplina del taekwondo, ha battuto l’avversario tunisino Mohamed Jendoubi nell'ultimo minuto, dimostrando tutta la sua forza e aggressività

MESAGNE- Conquista l’oro nel taekwondo Vito dell’Aquila, alla 32esima edizione delle Olimpiadi di Tokyo 2020: la finale contro il tunisino Mohamed Jendoubi (categoria -58 chilogrammi) è stata seguita dai tanti mesagnesi nelle proprie case e persino nella palestra New Marzial di Mesagne, dove l’atleta azzurro è nato e cresciuto con il maestro Roberto Baglivo, lo stesso che ha plasmato l’oro olimpico Carlo Molfetta.

La dedica al nonno: "Mi diceva che ce l'avrei fatta"

E' volato in finale di taekwondo alle Olimpiadi di Tokyo 2020 il giovane Vito Dell’Aquila, dopo aver battuto in semifinale l’argentino Lucas Lautaro Guzman, campione panamericano in carica e bronzo ai Mondiali 2019. In finale ha affrontato il tunisino Mohamed Jendoubi alle 21.45 ora locale, le 14.45 italiane, dimostrando, nell'ultimo minuto del terzo round, di essere migliore dell’avversario, dopo la parità iniziale. Nonostante la stanchezza, Vito Dell'Aquila più aggressivo negli ultimi secondi, ha conquistato il podio dei Giochi giapponesi.

La gioia del papà: "Vito un ragazzo senza grilli per la testa"

Dunque, il primo oro italiano alle Olimpiadi è proprio del 20enne mesagnese Dell'Aquila che questa mattina alle 5 (ora italiana) ha battuto con 26-13 l'ungherese Omar Salim agli ottavi di finale e il thailandese Ramnarong Awekwiharee ai quarti (37-17). Vito Dell'Aquila porta a casa, oltre all'oro, la vincita di 180mila euro, il premio per gli atleti che conquistano il primo posto.

Col suo stile preciso e ritmato, Vito Dell’Aquila, del gruppo sportivo dell'Arma dei carabinieri, proprio come Carlo Molfetta, ha mostrato continuità di risultati nella categoria dei 58 chilogrammi con una sfilza di medaglie e successi culminati con la vittoria del Grand Prix Final 2019, competizione riservata ai 16 migliori atleti al mondo. E, oggi, potrà aggiungere l'oro delle Olimpiadi 2020 nella palestra New Marzial di Mesagne.

Una soddisfazione, l'oro di Vito Dell'Aquila, anche per il presidente della Fita (Federazione italiana taekwondo), originario di San Vito dei Normanni, Angelo Cito.

Le reazioni

Vito è un ragazzo straordinario. La sua educazione, improntata ai migliori valori dello sport e della vita, è un esempio straordinario per i giovani della sua età e per una città che è orgogliosa di lui. La sua medaglia rappresenta il giusto riconoscimento per i tanti sacrifici sopportati e per la grande passione sportiva che coltiva sin da bambino. Il suo traguardo vale molto per tutti noi”, ha dichiarato il sindaco Antonio Matarrelli, emozionato per la vittoria del giovane atleta e suo primo fan. Il nome di Mesagne, che nell’ex scuola media “Marconi” ospita il  Centro Federale di Taekwondo, si lega sempre più alla pratica di una disciplina sportiva che al nome della città associa l’eccellenza di una pratica esercitata ai massimi livelli, che vede così arricchire il prestigioso palmarès degli onori. “Complimenti a Vito, alla sua meravigliosa famiglia e ai suoi allenatori: attendiamo il suo rientro per festeggiare nel miglior modo possibile e consentito”, ha concluso il primo cittadino.

Si festeggia anche a Torre Santa Susanna, paese d'origine della madre di Dell'Aquila. "L’Amministrazione di Torre Santa Susanna - afferma il sindaco di Torre, Michele Saccomanno -  si unisce alla gioia della famiglia Dell’Aquila per la storica medaglia d’oro di Vito.  Siamo uniti a Mesagne orgogliosa di questo suo figlio olimpionico. La sua mamma è Torrese e ci sentiamo orgogliosi anche noi".

«La medaglia d’oro di Vito Dell’Aquila rappresenta un motivo d’orgoglio per l’intera regione. La sua abnegazione, ma anche il suo spirito di sacrificio incarnano i valori di una terra, quella della provincia di Brindisi, che ha quanto mai bisogno di esempi positivi così importanti per avviare processi di rilancio in campo sociale ed economico. Ed il contributo che può venire dallo sport e dalle imprese dei nostri atleti è quanto mai fondamentale in questa fase». L’onorevole Valentina Palmisano (Movimento Cinque Stelle) celebra, così, il risultato storico di Vito Dell’Aquila (20 anni di Mesagne), prima medaglia d’oro dell’Italia alle Olimpiadi di Tokyo, ottenuta nel Taekwondo. «Un risultato sportivo a coronamento di lunghi mesi di attesa, sofferenza, ma anche passione, allenamento e determinazione per il giovanissimo atleta. A Vito dell’Aquila, al suo staff, ed all’intera comunità di Mesagne – conclude la parlamentare brindisina- va il "Grazie" dell’intero territorio per le emozioni appena vissute».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tokyo 2020: trionfa il mesagnese Vito Dell’Aquila, suo il primo oro azzurro

BrindisiReport è in caricamento