Francesco Moriero presenta il suo libro a Mesagne

Mercoledì 12 giugno alle 19, nell'Auditorium di Mesagne, ci sarà come ospite l’ex calciatore giallorosso/nerazzurro

MESAGNE - E’ tutto pronto per il terzo evento che l'Inter Club proporrà ai suoi soci ed a tutti gli sportivi mesagnesi. Mercoledì  12 giugno alle ore 19, nell'Auditorium di Mesagne, ci sarà come ospite l’ex calciatore giallorosso/nerazzurro Francesco Moriero. Presenterà, insieme agli autori Luca Carmignani e Luca Tronchetti, il suo libro: “Kekko, passa la palla”. Per la prima presentazione del libro in Puglia, Moriero ha scelto la nostra Mesagne.

"Un’occasione importante per i ragazzi che si avvicinano al mondo del calcio, per ascoltarne le esperienze vissute e i sacrifici per raggiungere il successo finale", scrive il presidente Mario Nacci. 

“Non avevo nulla oltre il calcio e venivo dalla strada”. Le parole di Francesco Moriero spiegano molto del personaggio: l’ultima vera ala destra del calcio italiano. Un giocatore dotato di corsa, velocità e potenza che sapeva arrivare sino al fondo e mettere in mezzo cross tesi, in grado di esaltare le doti acrobatiche degli attaccanti".

"Il suo marchio di fabbrica sono le origini. Umili. Voleva giocare a pallone Kekko. Nessuno gli ha mai regalato nulla.  E’ riuscito grazie alle doti naturali, ma anche alla costanza, alla forza di volontà, al carattere e ad un’educazione imparata prima in famiglia e poi attraverso i suoi maestri. Generoso, sorridente, disponibile. Un campione che riconosceva subito e senza la minima gelosia i fuoriclasse, i calciatori in grado da soli di farti vincere le partite. E si metteva completamente al loro servizio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il gesto del lustrascarpe – dello Sciuscià – che lui ha inventato e messo in pratica per Ronaldo, Recoba e Vieri, è la testimonianza del vissuto di Moriero. Lecce, Cagliari, Roma, Inter, nazionale e mondiali di Francia vissuti da titolare. Un crescendo wagneriano che dimostra come Moriero abbia salito i gradini del calcio italiano uno alla volta succhiando il nettare della conoscenza da Carlo Mazzone e Gigi Simoni, gli allenatori che più degli altri hanno saputo ottenere il meglio dalle doti indiscusse dell’atleta e dell’uomo. Tante le testimonianze raccolte in una biografia omaggio ad un ragazzo genuino che è riuscito partendo dal niente a costruirsi una carriera importante rimanendo sempre sé stesso e mantenendo i valori e le radici della sua terra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • San Vito dei Normanni. Carabiniere fuori servizio blocca corsa clandestina, due giovani denunciati

Torna su
BrindisiReport è in caricamento