rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Sport

Per Brindisi-Vibonese in città gli uomini della procura federale

BRINDISI – Funzionari della Procura federale sarebbero a Brindisi per interrogare tesserati della società biancazzurra sul presunto illecito riguardo alla gara del 19 dicembre della squadra biancazzurra con la Vibonese finita 0-0, denunciato dal presidente Vittorio Galigani e dal vice presidente Antonio Pupino. La notizia è trapelata nella tarda mattinata. Pare che gli inviati della Procura federale siano giunti a Brindisi per sentire coloro i quali furono indicati come testi nell’esposto. E cioè l’allenatore Massimo Rastelli, il facente funzioni di direttore sportivo Stefano Trinchera, il team manager Domenico Pellegrino e lo stesso Galigani. Inoltre, sempre stando alle indiscrezioni trapelate, i funzionari federali avrebbero in agenda l’ascolto di alcuni giocatori. Se ne saprà di più nelle prossime ore.

BRINDISI - Funzionari della Procura federale sarebbero a Brindisi per interrogare tesserati della società biancazzurra sul presunto illecito riguardo alla gara del 19 dicembre della squadra biancazzurra con la Vibonese finita 0-0, denunciato dal presidente Vittorio Galigani e dal vice presidente Antonio Pupino. La notizia è trapelata nella tarda mattinata. Pare che gli inviati della Procura federale siano giunti a Brindisi per sentire coloro i quali furono indicati come testi nell'esposto. E cioè l'allenatore Massimo Rastelli, il facente funzioni di direttore sportivo Stefano Trinchera, il team manager Domenico Pellegrino e lo stesso Galigani. Inoltre, sempre stando alle indiscrezioni trapelate, i funzionari federali avrebbero in agenda l'ascolto di alcuni giocatori. Se ne saprà di più nelle prossime ore.

La vicenda è nota. Qualche giorno dopo la gara giocata il 19 dicembre, mentre infuriava la polemica degli stipendi non pagati scatenata dalla messa in mora da parte dei giocatori Vicentini, Lispi, Minopoli, Lenti, Papa e Camposeo, Galigani e Pupino con una nota inviata agli organi di informazione resero noto di avere informato la Procura federale di questa presunta combine. Contestualmente ai giocatori fu imposto dalla società il divieto di parlare. Ma dopo qualche giorno disattendendo il diktat del presidente, emisero una nota con la quale respingevano le accuse e chiedevano che la Procura federale facesse chiarezza.

Poi si sono accavallate le voci di possibili deferimenti, sono stati avanzati anche numeri di giocatori in via di sospensione. Ma allo stato non c'è nulla di tutto questo. Vi è un'indagine conoscitiva da parte della Procura federale finalizzata a stabilire se i sospetti avanzati da Galigani e Pupino siano solo sospetti. Non ci sono indagati. Forse arriveranno, forse no, come sostengono i giocatori, che dicono di essere sereni e pretendono chiarezza, ma per ora sono in corso accertamenti. Intanto sul fronte delle partenze ci sono altre novità. Oltre al passaggio di Radi alla Paganese, c'è il ritorno di Lispi al Foligno, la partenza del terzino Coduti, e si dice che anche Ceccarelli e Cejas sono ormai prossimi al trasloco. Praticamente tutti i titolari.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per Brindisi-Vibonese in città gli uomini della procura federale

BrindisiReport è in caricamento