I resti di un grande delfino spiaggiati a Specchiolla

Potrebbe trattarsi di un tursiope adulto. La carcassa portata riva dalle mareggiate di questi giorni

SPECCHIOLLA (Carovigno) - I resti di un cetaceo odontoceto, probabilmente un tursiope adulto, si sono spiaggiati sulla scogliera a Specchiolla sul lato verso Pennagrossa, località Chiancaredde, spinti dalle mareggiate di questi giorni. Le condizioni della carcassa, abbondantemente compromesse dalla lunga permanenza in acqua e dalla fauna marina, e molto probabilmente anche dai gabbiani, non rendono immediatamente identificabile la specie a occhi profani, ma per un biologo non dovrebbero esserci problemi per risolvere il caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quanto è possibile osservare (le foto ci sono state inviate da un lettore), si potrebbe trattare come già detto di un grande delfino,appunto di un tursiope adulto che può raggiungere anche i quattro metri di lunghezza. Purtroppo le foto non rendono ben esaminabile il cranio, e quindi non consentono di notate la presenza della dentatura, o quanto meno degli alveoli. Imprecisabili le cause della morte, che può essere avvenuta sia per cause naturali, che per malattia o condizioni determinate dalle attività dell'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento