Inseguimento dopo grosso furto

BRINDISI - Grosso furto di salumi nella tempesta, ma la polizia fa servizio anche durante i temporali, e i ladri hanno dovuto mollare il carico pur di evitare l'arresto. E' accaduto attorno alle 3 del mattino della scorsa notte nella zona industriale, già martoriata da numerosi episodi criminosi ai danni di aziende e magazzini.

Il furgone carico di salumi recuperato dalle volanti

BRINDISI - Grosso furto di salumi nella tempesta, ma la polizia fa servizio anche durante i temporali, e i ladri hanno dovuto mollare il carico pur di evitare l'arresto. E' accaduto attorno alle 3 del mattino della scorsa notte nella zona industriale, già martoriata da numerosi episodi criminosi ai danni di aziende e magazzini.

In azione le pattuglie della Sezione volanti, che hanno intercettato un furgone scoperto, con il cassone carico di generi alimentari. I ladri hanno tentato una improbabile fuga, lungo la litoranea per Cerano, poi hanno deviato in una stradina tra i campi dove hanno abbandonato furgone e carico, fuggendo a piedi sotto la pioggia.

I poliziotti hanno contato quattro persone, le quali tuttavia sono riuscite a dileguarsi. Sul furgone gli agenti delle volanti hanno rinvenuto generi alimentari, soprattutto salumi, per un valore complessivo di oltre centomila euro rubati poco prima nel centro commerciale Cash and Carry di via Artom, sempre in zona industriale. La merce è stata interamente restituita al responsabile.

Ora la polizia sta indagando sugli autori del furto, cercando tracce utili sul furgone sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

Torna su
BrindisiReport è in caricamento