Ladro braccato si lancia nel vuoto

OSTUNI - Un salto nel vuoto di 11 metri, per evitare di finire in manette. Sventurato protagonista un ventisettenne del posto, Antonio Gianfreda, tratto in salvo dagli operatori del Servizio 118 dopo un volo pazzesco. E’ salvo, ma con fratture multiple agli arti. La prima prognosi è di 30 giorni. Il suo compare, vale a dire l’amico con il quale poco prima aveva messo a soqquadro gli uffici della Palazzina comunale di Corso Vittorio Emanuele (stabile che ospita gli Assessorati al Turismo e Commercio, nonché il Comando della Polizia municipale), è tuttora ricercato. Le indagini, curate dagli agenti della polizia municipale, starebbero battendo una pista ben precisa, che nelle prossime ore potrebbe consentire di consegnare alla giustizia anche il complice.

Pattuglia di vigili urbani davanti al Commissariato di polizia

OSTUNI - Un salto nel vuoto di 11 metri, per evitare di finire in manette. Sventurato protagonista un ventisettenne del posto, Antonio Gianfreda, tratto in salvo dagli operatori del Servizio 118 dopo un volo pazzesco. E’ salvo, ma con fratture multiple agli arti. La prima prognosi è di 30 giorni. Il suo compare, vale a dire l’amico con il quale poco prima aveva messo a soqquadro gli uffici della Palazzina comunale di Corso Vittorio Emanuele (stabile che ospita gli Assessorati al Turismo e Commercio, nonché il Comando della Polizia municipale), è tuttora ricercato. Le indagini, curate dagli agenti della polizia municipale, starebbero battendo una pista ben precisa, che nelle prossime ore potrebbe consentire di consegnare alla giustizia anche il complice.

La cronaca di un tentativo di furto folle: e non soltanto per la singolare via di fuga imboccata da uno dei due malfattori. A dare l’allarme sarebbero stati i vigili urbani di pattuglia presso il Comando della Polizia municipale, insospettiti dai rumori provenienti da alcune stanze attigue. Sul posto, nel giro di un paio di minuti, sono accorsi così gli agenti del Commissariato di Pubblica sicurezza. Almeno un giovane (ma forse erano in tre) sarebbe riuscito a darsela a gambe pochi istanti prima l’arrivo dei poliziotti.

Gianfreda, intento a fare razzia di computer nelle stanze dell’Ufficio Commercio,  al primo piano, non avrebbe fatto in tempo a raggiungere l’uscio, e così dopo aver tentato di sfondare la porta in ferro del Comando dei vigili si è barricato in un’altra stanza. E quando gli agenti lo hanno raggiunto si è lanciato da una finestra che affaccia sulla Zona degli orti. Soccorso poco dopo dagli operatori del Servizio 118, il giovane è stato trasferito d’urgenza a Brindisi ed affidato alle cure dei sanitari del Reparto di Ortopedia, dove si trova tuttora ricoverato.

A seguito del terribile impatto con il terreno,  ha riportato fratture alle gambe guaribili in una trentina di giorni. L’intera refurtiva, abbandonata in un angolo dell’edificio, è stata recuperata e consegnata al personale comunale. A carico del giovane, per il momento, pende una denuncia a piede libero, per tentato furto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento