Marine in stato d'abbandono: "Passano gli anni ma nulla cambia a Specchiolla"

Riceviamo e pubblichiamo un intervento di due cittadini, Mario Capone e Vito  De Pasquale, sullo stato di degrado in cui versa Specchiolla, marina di Carovigno

Riceviamo e pubblichiamo un intervento di due cittadini, Mario Capone e Vito  De Pasqualesullo stato di degrado in cui versa Specchiolla, marina di Carovigno.

Siamo due residenti della località di Specchiolla del comune di Carovigno dove tutti gli anni trascorriamo le vacanze estive, peccato però che la bellezza di questo luogo del nostro meraviglioso Meridione oggi riscoperto anche a livello internazionale, debba essere offuscata da una poco accorta gestione della cosa pubblica da parte dei responsabili tecnici, amministrativi e politici locali. Nonostante gli ormai numerosi solleciti avanzati verbalmente nei confronti degli organi competenti nulla si è visto.

Ci riferiamo soprattutto alla scarsa efficienza e frequenza del sistema di raccolta della nettezza urbana e dell’illuminazione pubblica che in alcune zone ha lasciato ormai da tempo spazio al buio pubblico; eppure basterebbe solo cambiare le lampade ormai esaurite ed incrementare il servizio di raccolta dei rifiuti. Possibile che non si riesca a comprendere che tali servizi, oltre a dover essere garantiti per legge, dato che per essi i cittadini corrispondono tasse e contributi spesso onerosi a fronte dei quali poi non si intravede il corrispettivo servizio, possono essere fonte di problematiche anche gravi per la salute e la sicurezza pubblica?

Passano gli anni ma nulla cambia-2Basti pensare alla spazzatura lasciata decomporsi al sole per intere giornate, che diventa così attrazione inevitabile di insetti e ratti e fonte di probabili infezioni; o a possibili rovinose cadute nei luoghi pur belli e pittoreschi del litorale marino. Per non parlare della gestione delle spiagge libere. Ormai nel resto d’Italia nelle spiagge sono presenti i cestini tripartiti per la raccolta differenziata, qui invece si continua a trovare spazzatura di vario tipo (pacchetti vuoti di sigarette, buste di patatine, pannolini usati, ecc.) sulle dune o sugli scogli (foto a destra). 

Passano gli anni ma nulla cambia-3Lungo il litorale sud ci sono delle bellissime calette rovinate oltre che dai rifiuti, anche dalle auto parcheggiate quasi in riva al mare, nonostante i segnali di divieto.

I camper si sono da poco adeguati, spostandosi nel parcheggio dal lato opposto della strada, invece auto e furgoncini continuano ad essere parcheggiati sugli scogli sicuri di non andare incontro ad alcuna sanzione, visto che il controllo e la vigilanza sono completamente assenti.

Per non parlare delle distese di alghe che da anni sono presenti su alcuni tratti della costa, perché i lidi privati puliscono le proprie spiagge Passano gli anni ma nulla cambia-4lasciando i rifiuti sui tratti di spiaggia limitrofi, o dei più recenti materiali di risulta da potatura lasciati in giro per tutta la località.

Infine c’è la questione delle piste ciclabili. La maggior parte dei residenti si sposta a piedi o in bici, quindi sarebbe opportuno costruire una pista ciclabile che costeggi l’intero litorale, e non solo una sua parte, arrivando anche agli ingressi di Riva Marina 1 e 2, in prossimità dei quali sarebbe opportuno apporre anche dei rallentatori.

Passano gli anni ma nulla cambia-5 Infatti allo stato attuale ci sono dei tratti pericolosi da attraversare, soprattutto per i bambini, come la strada principale di ingresso a Specchiolla, dove le auto spesso arrivano ad alta velocità, o ancora le strade vicino alle spiagge che il vento ha ricoperto di sabbia e che nessuno ha mai pulito.

Se tale stato di abbandono e disinteresse dovesse perdurare, il turismo sul quale si fonda la povera economia locale prima o poi fallirà e noi residenti stessi, insieme a tanti altri che pure hanno investito in termini economici ed affettivi in questo meraviglioso territorio, ci vedremo costretti ad abbandonare tale luogo. Passano gli anni ma nulla cambia-6

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Purtroppo nessuno riesce a sfruttare il potenziale di questa località, vista la noncuranza da parte del comune ovviamente anche i privati preferiscono investire altrove, quando invece basterebbe poco per rianimare anche la vita notturna organizzando eventi che attirino l’attenzione anche dei più giovani. Speriamo che l’Amministrazione ascolti questo ennesimo grido di dolore e inizi a risolvere i problemi che affliggono Specchiolla, altrimenti stanchi di essere di nuovo ignorati ci vedremo costretti ad effettuare un esposto/denuncia al prefetto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

Torna su
BrindisiReport è in caricamento