Tafferugli tra tifosi all'esterno dello stadio: feriti alcuni carabinieri

Rissa fra i tifosi del Fasano e dell'Altamura fuori dal Vito Curlo, dopo la gara del campionato di Serie D disputata mercoledì

FASANO – Alcuni carabinieri sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari a seguito di tafferugli fra i tifosi dell’Us Città di Fasano e del Team Altamura verificatisi ieri pomeriggio (12 dicembre), all’esterno dello stadio Vito Curlo di Fasano, al termine di una gara valevole per la 15esima giornata del campionato di Serie D. Il club murgiano era seguito da circa 30 tifosi. 

Dopo il triplice fischio, la tifoseria ospite, scortata dalle forze dell’ordine, è stata fatta salire sui propri mezzi. Nel frattempo, i supporters locali sono riusciti a superare gli steward che dividevano la curva dalla tribuna (sempre dei locali) e sono usciti dalle porte antipanico che erano state momentaneamente chiuse per far defluire prima gli ospiti.

I carabinieri della locale compagnia sono subito intervenuti per evitare che le due tifoserie entrassero in contatto. Ma gli scontri sono stati pressoché inevitabili e anche di una certa entità. Difficile tracciare un bilancio definitivo della rissa, se si considera che né i tifosi del Fasano né quelli dell’Altamura si sono recati in ospedale. Sono stati medicati presso il Pronto soccorso, invece, diversi militari. 

Una volta ristabilita la calma, il pullman dell’Altamura è stato scortato dai carabinieri verso la superstrada. E’ stata avviata un’indagine per identificare i responsabili. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

  • Bomba, per l'evacuazione 300 brandine nelle scuole. Previsti colazione e pranzo

  • Estate in Sicilia dall'Aeroporto del Salento con voli settimanali

  • Minaccia collega per un pagamento: denunciato imprenditore

Torna su
BrindisiReport è in caricamento