Macchia mediterranea devastata dai rifiuti: scempio sul litorale

Discarica abusiva in una zona boschiva fra lo stabilimento balneare dei vigili del fuoco e l'ex lido poste

BRINDISI – L’immagine di un crocefisso pende da un ramo, quasi a voler dare un tono di sacralità a un luogo devastato dall’inciviltà. Se si pensa a un oggetto di qualsiasi tipo, ci sono buone possibilità di trovarlo sul tratto di litoranea compreso fra la spiaggia libera dell’ex lido Poste e lo stabilimento balneare dei vigili del fuoco, in località Punta Penne. 

Una zona boschiva puntellata di tamerici costeggia la strada provinciale 41, lato mare. A pochi metri dal bordo della falesia, fra una radura e l’altra, i rifiuti spuntano come funghi. Si trova davvero di tutto in mezzo alla macchia mediterranea: piatti, giocattoli, coperte, scatole, giocattoli, mobili, tubi, persino l’insegna di un salone per capelli. La lista potrebbe andare avanti ancora a lungo. Gli inquinatori sono abituali frequentatori di questo angolo di litorale. Protetti dalla vegetazione, agiscono indisturbati, arrecando un danno incalcolabile all’ambiente. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento