Cittadella, Colucci rifiuta audizione

BRINDISI - Il presidente della commissione d'inchiesta del consiglio provinciale su Cittadella della Ricerca, Nicola Ciracì (Pdl) e gli altri commissari hanno atteso invano stamani la comparizione di Angelo Colucci, l'ex direttore della società oramai in liquidazione, che era stato convocato per le 10. Colucci, per settimane bersaglio mediatico e politico della vicenda, indicato dall'ex presidente di Cittadella della Ricerca, Antonio Andreucci (ora liquidatore), ma anche in consiglio provinciale quale responsabile dei presunti dissesti di bilanci certificati comunque sia dai revisori che dallo stesso Andreucci, ha risposto inoltrando una querella alla Procura della Repubblica di Brindisi, con i necessari allegati.

La presidenza di Cittadella della Ricerca

BRINDISI - Il presidente della commissione d'inchiesta del consiglio provinciale su Cittadella della Ricerca, Nicola Ciracì (Pdl) e gli altri commissari hanno atteso invano stamani la comparizione di Angelo Colucci, l'ex direttore della società oramai in liquidazione, che era stato convocato per le 10. Colucci, per settimane bersaglio mediatico e politico della vicenda, indicato dall'ex presidente di Cittadella della Ricerca, Antonio Andreucci (ora liquidatore), ma anche in consiglio provinciale quale responsabile dei presunti dissesti di bilanci certificati comunque sia dai revisori che dallo stesso Andreucci, ha risposto inoltrando una querella alla Procura della Repubblica di Brindisi, con i necessari allegati.

Colucci ha spiegato ovviamente le ragioni della mancata comparizione davanti alla commissione d'inchiesta, varata dal consiglio provinciale su richiesta della minoranza di centrodestra. Quella principale è quella che Colucci definisce una campagna diffamatoria nei suoi confronti, soprattutto da parte dei vertici di Cittadella della Ricerca, cosa che lo ha costretto a sporgere querela. Pertanto, l'ex direttore considera le sedi previste dall'iter giudiziario ordinario le uniche in cui dover fare dichiarazioni.

Quindi non si è trattato, stamani, di una mancanza di rispetto nei confronti della commissione e del suo presidente, ma solo della convinzione da parte di Angelo Colucci di una maggiore utilità dell'affidamento della questione Cittadella alla magistratura, in presenza di accuse di reati societari molto gravi, piuttosto che ad una commissione che in fondo ha un meccanismo di voto che corrisponde agli equilibri in consiglio provinciale (quelli che hanno portato all'approvazione delle relazioni e delle proposte del presidente Massimo Ferrarese sulla situazione finanziaria della Scpa).

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Esplosione di due bancomat, quattro brindisini indagati

    • Cronaca

      Alloggi popolari al Sant’Elia, Comune ed ex Iacp di nuovo contro

    • Cronaca

      Studenti pendolari: l'odissea continua. Una mamma: "Bus come barconi"

    • Cronaca

      La riqualificazione della Cittadella: convegno organizzato dal Rotary

    I più letti della settimana

    • "L'illusione del cambiamento. Brindisi, la solita aria fritta"

    • La maggioranza vota la spesa per lo staff del sindaco Carluccio

    • Giunta Carluccio, almeno due posti da aggiungere dopo il Consiglio

    • Referendum costituzionale, a Brindisi un comitato per il “Sì”

    • Alti e bassi della maggioranza. Resta la mina vagante Multiservizi

    • Referendum: le ragioni del Sì e quelle del No. Confronto a Brindisi

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento