venerdì, 18 aprile 12℃

"Dalla maggioranza brutto segnale"

BRINDISI - Come preannunciato ieri, le opposizioni consiliari non lasciano passare sotto silenzio la mancanza di numero legale segnata nel corso della seduta del con siglio comunale sul punto all'ordine del giorno che riguardava la modifica dello statuto della società di gestione del porticciolo turistico. fatto avvenuto, rimarcano oggi le opposizioni, nel corso di una tornata in cui era stato approvato all'unanimità il nuovo decalogo per la selezioni dei rappresentanti del Comune nella società partecipate.

Mar.Orl.10 agosto 2012

BRINDISI - Come preannunciato ieri, le opposizioni consiliari non lasciano passare sotto silenzio la mancanza di numero legale segnata nel corso della seduta del con siglio comunale sul punto all'ordine del giorno che riguardava la modifica dello statuto della società di gestione del porticciolo turistico. fatto avvenuto, rimarcano oggi le opposizioni, nel corso di una tornata in cui era stato approvato all'unanimità il nuovo decalogo per la selezioni dei rappresentanti del Comune nella società partecipate.

"Segnale inquietante, quello dato dalla maggioranza che sostiene il sindaco Consales. Che Pd, Udc, Noi Centro abbandonino l'aula durante l'esposizione di un provvedimento da parte di un proprio assessore inviando un messaggio, non tanto subliminale, al proprio esecutivo. E se questi sono i prodromi non sarà difficile immaginare cosa ci attenderà in occasione delle nomine nei vari enti di primo e secondo grado", dicono i gruppi consiliari di minoranza.

Le opposizioni prevedono che "sicuramente adesso si tenterà di minimizzare il tutto accreditando le ipotesi più varie, dal segnale da dare al socio privato di Bocche di Puglia, a quello da dare all'attuale presidente figlio della passata amministrazione e quindi da rimuovere. In un momento in cui molte persone sono ormai alla disperazione, in cui per i nostri giovani è complicatissimo immaginare un futuro degno di essere vissuto, di questi segnali, di questo ne avremmo fatto volentieri a meno, tali e tante sono le emergenze che si è chiamati a governare".

Come anticipato, nel documento dell'opposizione si mette in rilievo il fatto "veramente singolare che tale messaggio venga inviato al sindaco ed alla sua giunta nel corso dello stesso consiglio comunale durante il quale si erano approvati i criteri di nomina dei rappresentanti del comune negli enti e società partecipate. Tali criteri, basati su merito e competenza per tali gruppi di maggioranza sono evidentemente parole vuote. L'unico criterio è la spartizione di posti e prebende. Questo l'inquietante messaggio lanciato ieri dalla maggioranza".

Il documento è stato firmato e diffuso dai gruppi consiliari del Popolo della Libertà, di Sviluppo e Lavoro, Brindisi bene comune, Brindisi avanti veloce, Regione Salento, Puglia prima di tutto, riunitisi per concordarne il testo presso la sede di Sviluppo e Lavoro.

accuse
comunale
consiglio
diserzione
maggioranza
opposizione
porticciolo
seduta
tema
turistico

Commenti