rotate-mobile
Attualità

A Brindisi in scena "La scuola dell’innovazione": cinque giorni di workshop

Al via Autumn school, dal 26 al 30 ottobre, iniziative rivolte a studenti, progettisti, innovatori, gestori di spazi, organizzatori di eventi, imprese sociali e culturali, cittadini

BRINDISI - Migliorare la capacità delle organizzazioni di gestire gli spazi sociali e culturali, valorizzare la relazione dei cittadini con i luoghi pubblici favorendo la collaborazione e la cura per la città, apprendere e utilizzare nuove metodologie che supportino un’innovazione “aperta”: sono questi alcuni degli obiettivi della Superbrindisi Autum School, la scuola dell’innovazione che il Comune di Brindisi organizza dal 26 al 30 ottobre per studenti, progettisti, innovatori, gestori di spazi, organizzatori di eventi, imprese sociali e culturali, cittadini che vogliono far crescere la propria città.

La scuola dell’innovazione avrà la durata di 5 giorni e intende offrire ai chi vi parteciperà una visione completa, attraverso teoria e pratica, su tre temi centrali della gestione dei beni comuni: il design dei servizi per i cittadini, il coinvolgimento delle comunità e l’autocostruzione.

“Con il progetto Case di quartiere – ha dichiarato Riccardo Rossi sindaco di Brindisi – cogliamo l’opportunità per la nostra città di supportare e aiutare a crescere l'ecosistema locale dell'innovazione. All’interno del percorso che stiamo portando avanti da marzo scorso quando è partito il progetto, la formazione è sicuramente un fattore chiave non solo per promuovere le innovazioni determinanti ma anche, come nel caso della Autumn school, per riunire gli attori locali, aiutare la crescita delle start-up e degli innovatori che condividono la visione di una città in cui i cittadini sono attivi e partecipano al cambiamento”.

“Avere alternative per innovare il tessuto sociale anche alla luce del difficile momento storico in cui ci troviamo - dichiara l’assessora al Welfare della Regione Puglia Rosa Barone - risulta fondamentale per l’intero territorio regionale e per questo la promozione dell’innovazione sociale e lo sviluppo dell’economia sociale figurano tra le azioni più importanti dell’assessorato al Welfare. Attraverso il finanziamento di 6 progetti per altrettanti hub di innovazione sociale, abbiamo voluto puntare sul potenziamento delle infrastrutture e delle attrezzature a supporto dell’innovazione sociale e parallelamente sul miglioramento delle condizioni di accessibilità ai servizi innovativi da parte di cittadini e attività economiche a contenuto sociale con l’obiettivo prioritario che vi siano quanti più spunti possibili utili a rendere la nostra Puglia migliore ed innovativa”.

Il programma di Superbrindisi autumn school è articolato in 3 workshop e in una serie di dialoghi con ospiti ed esperti provenienti dalle più importanti esperienze di innovazione urbana e sociale d’Italia come quelle di Bologna, Milano, Torino, Lecce e altre ancora.

Numerose le realtà coinvolte – del calibro della Fondazione per l’Innovazione Urbana di Bologna e delle Case di Quartiere di Torino – per fare della Autumn school un appuntamento imperdibile non solo per i cittadini di Brindisi ma per tutti coloro che in Italia in questo momento, sono al lavoro per innovare le loro città ricercando nuove metodologie in grado di dare risposte a comunità sempre più partecipi ed esigenti e a spazi che hanno la necessità di essere ibridi, fluidi e multifunzione.

“I 5 giorni dell’Autumn school non saranno solo formazione - ha spiegato Giulio Gazzaneo consigliere delegato alle Politiche giovanili - ma anche ricerca sul campo e possibilità di attivare nuove collaborazioni, sia a livello locale che nazionale. L’obiettivo è rendere il nostro contesto aperto all’innovazione partendo dalle risorse e dalle vocazioni del nostro territorio, rimanendo al tempo stesso flessibili e pronti ad ascoltare i nuovi bisogni dei cittadini e delle generazioni più giovani, le tendenze e le buone pratiche che provengono da altri contesti”.

I workshop e i Supertalk (laboratori e dialoghi per chi preferisce l’italiano) saranno itineranti in 4 delle Case di Quartiere attive di Brindisi: Casa della Musica e Accademia degli Erranti nel centro storico della città, Parco Buscicchio nel quartiere di Sant’Elia e la Casa di San Bao nel quartiere La Rosa.

L’obiettivo è quello di coinvolgere gli Enti gestori delle Case e le loro comunità in queste iniziative di apprendimento sul campo e di acquisizione di nuove capacità, portando sempre nuovi e più numerosi cittadini a comprendere il modello sociale delle Case di Quartiere e a conoscere queste nuove realtà sociali del territorio, interfaccia di una pubblica amministrazione vicina e amichevole.

Il programma dell’Autumn school prevede anche il “doposcuola” per i partecipanti che si attendono non solo dalla Regione Puglia ma anche da altre regioni italiane: visite guidate per la scoperta della città; eventi serali per conoscersi, fare rete e far nascere nuove collaborazioni; una festa finale di comunità nella Casa di Quartiere Parco Buscicchio con una giornata intera all’insegna dello sport e delle arti urbane che avrà luogo il 30 ottobre.  L’innovazione promossa dall’Autum School rappresenta infatti un volano per la crescita di tutti i settori dell’economia, compreso il turismo e l’offerta culturale ed esperienziale della città.

ISCRIZIONI:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScH30FY_nfFCQ1aZ5lOe5g9I49dczgfqIYx-PseZyLZ07yaIA/viewform?usp=sf_link

PROGRAMMA:

https://www.palazzoguerrieri.org/wp-content/uploads/programma.pdf

SITO WEB:

https://www.palazzoguerrieri.org/wp-content/uploads/autumn/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Brindisi in scena "La scuola dell’innovazione": cinque giorni di workshop

BrindisiReport è in caricamento