rotate-mobile
Attualità

Giornate Fai di Primavera: i luoghi che si potranno visitare nel Brindisino

Gli studenti faranno da Ciceroni presso la chiesa ortodossa di San Nicola, a Brindisi, e il parco archeologico Valesio, a Torchiarolo

BRINDISI – La chiesa greco ortodosso di San Nicola, in via Indipendenza, a Brindisi, e l’area archeologica di Valesio, a Torchiarolo. Questi i luoghi solitamente inaccessibili al pubblico che sabato 23 e domenica 24 marzo, nell’ambito delle giornate Fai (Fondo Ambiente Italiano) di Primavera, potranno essere visitati dalla cittadinanza, con guide d’eccezione. 

Le visite saranno infatti gestite dagli apprendisti Ciceroni degli istituti scolastici locali e nello specifico per Brindisi dagli alunni dell’Istituto comprensivo “Bozzano” e per Torchiarolo dagli studenti del liceo delle scienze Umane e Liceo Linguistico “E. Palumbo”, sede di Latiano, dell’Istituto comprensivo “Valesium” di Torchiarolo.

CHiesa ortodossa San Nicola-2

Gli orari di apertura per entrambi i siti sono dalle ore 10.00 alle ore 18.00. La delegazione di Brindisi ringrazia per la collaborazione la Sacra Archidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, Patriarcato ecumenico di Costantinopoli e padre Arsenio per la chiesa di San Nicola a Brindisi, l’amministrazione comunale di Torchiarolo, il consigliere delegato Sergio Contaldo, il dott. Cosimo Stefanelli e la Pro Loco Turchellis di Torchiarolo.

Obiettivo delle giornate Fai di Primavera è quello di costruire un ideale Ponte tra culture che ci farà viaggiare in tutto il mondo. Giunta ormai alla 27ª edizione, la manifestazione si è trasformata in una grandiosa festa mobile per un pubblico vastissimo, che attende ogni anno di partecipare a questa straordinaria cerimonia collettiva, appuntamento irripetibile del nostro panorama culturale che a partire dal 1993 ha appassionato quasi 11 milioni di visitatori.

Anno dopo anno le Giornate Fai di Primavera superano se stesse: questa edizione vedrà protagonisti 1.100 luoghi aperti in 430 località in tutte le regioni, grazie alla spinta organizzativa dei 325 gruppi di delegati sparsi in tutte le regioni – Delegazioni regionali, provinciali e Gruppi Giovani - e grazie ai 40.000

Apprendisti Ciceroni. Centinaia di siti e migliaia di persone che l’anima del Fai accende, prendendo per mano tutti e accompagnando gli italiani a specchiarsi nella stupefacente varietà del paese più bello, aprendo luoghi spesso inaccessibili ed eccezionalmente visitabili in questo weekend, durante il quale è possibile sostenere la Fondazione con un contributo facoltativo o con l’iscrizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornate Fai di Primavera: i luoghi che si potranno visitare nel Brindisino

BrindisiReport è in caricamento