menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bomba-carta contro abitazione dei genitori di un detenuto

Un ordigno di fattura artigianale e di piccolo potenziale è stato fatto esplodere questa sera a ridosso della porta di ingresso di una abitazione al civico 12 di via Alessandro Volta, a San Pietro Vernotico

SAN PIETRO VERNOTICO - Un ordigno di fattura artigianale e di piccolo potenziale è stato fatto esplodere questa sera, intorno alle 20, a ridosso della porta di ingresso di una abitazione al civico 12 di via Alessandro Volta, a San Pietro Vernotico, dove abitano i genitori del pregiudicato Marcello Solazzo, attualmente detenuto. La deflagrazione ha danneggiato i battenti e le vetrate, ma soprattutto ha provocato una detonazione molto forte, che ha allarmato gli abitanti della strada e delle vicine via Garibaldi e via Bellini. Qualcuno aveva pensato sulle prime ad una fuga di gas.

bomba solazzo 2-2-2Secondo i carabinieri, non ci sono tracce di involucro metallico, perciò si pensa ad una bomba-carta. Sul posto si sono recati subito i militari della stazione dell'Arma di San Pietro Vernotico e quelli della compagnia di Brindisi, al comando del capitano Luca Morrone. Al momento dello scoppio, in casa c'era solo il padre di Solazzo. Al momento si pensa ad un episodio collegabile proprio al detenuto, coinvolto nell'operazione Dirty Soccer, ma è troppo presto per formulare ipotesi più precise.

Certo è che per i residenti la paura è stata tanta, l'asfalto è stato investito da una pioggia di vetri alcuni frammenti hanno bucato la gomma di una Fiat Panda parcheggiata proprio di fronte all'abitazione. Via Alessandro Volta è una strada del centro storico, traversa di via Garibaldi dove ha sede la caserma della Guardia di Finanza. Alle 20 la gente è ancora a spasso a piedi e in bici "Di solito a quest'ora porto il cane a fare una passeggiata, molte persone rincasano in bicicletta e a piedi non oso immaginare cosa sarebbe potuto accadere se in quel momento fosse passato qualcuno - ha commentato un residente - il boato è stato spaventoso, abbiamo pensato all'esplosione di una bombola del gas, ci siamo precipitati per strada e c'era una nuvola di fumo, solo dopo qualche minuto abbiamo capito di che si trattava". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento