menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ulivo affetto da Xylella nell'agro di Ostuni: "No all'abbattimento"

Un gruppo di manifestanti ha raggiunto l'area di servizio Q8 fra Rosa Marina e Monticelli per ribadire il no del popolo degli ulivi al piano di eradicazione

OSTUNI – Un gruppo di attivisti dell’associazione “Verde, ambiente e società”, riconducibile al network del Popolo degli ulivi (movimento nato dopo i primi interventi di eradicazione avvenuti a Oria nel 2015), si è recato stamani presso il distributore di benzina Q8 situato sulla strada statale 379 per Bari, fra Rosa Marina e Monticelli, per esprimere la propria contrarietà all’abbattimento dell’ulivo affetto da Xylella e delle nove piante sane presenti nel raggio di 100 metri, fra l'area di servizio e i terreni limitrofi.

Uno dei rappresentanti dell’associazione, Mimmo Giglio, ha ribadito le tesi sostenute da sempre dal Popolo degli ulivi. I manifestanti dunque contestano l’esistenza del batterio. “Qualora esistesse – affermano – ci sono cure alternative all’abbattimento, ben note ai contadini”. Inoltre gli stessi hanno rivolto un appello a Emiliano, affinché ponga fine a quello che loro definiscono uno scempio perpetrato ai danni della Puglia.

A giorni, ad ogni modo, le ruspe dovrebbero entrare in azione per abbattere gli alberi, così come disposto dalla Regione Puglia e dall’Unione europea. Quello scoperto nell’area di servizio Q8 è il primo caso di Xylella nella zona di Ostuni, a decine di chilometri di distanza dai focolai della fascia sud della provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento