menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sul bus senza biglietto si rifiutano di scendere: un arresto e due denunce

Un 43enne è stato arrestato per violenza privata e interruzione di pubblico servizio. Per lo stesso reato sono stati denunciati un 37enne e una 23enne

BRINDISI – Non ha il biglietto e si rifiuta di scendere dal pulman inveendo con violenza nei riguardi dell’autista che tenta di riscuotere il prezzo della corsa. Un 43enne di nazionalità nigeriana, Charles Ayeni, è stato arrestato dai carabinieri per violenza privata e interruzione di pubblico servizio. Per lo stesso reato sono stati denunciato due connazionali, un 37enne e una 23enne, tutti regolari sul territorio nazionale con permesso di soggiorno per motivi umanitari.

I tre a San Vito dei Normanni hanno preso il pullman per Brindisi pretendendo, però, di viaggiare senza biglietto. Alla richiesta di pagamento da parte dell’autista il 43enne poi arrestato ha minacciato il conducente del mezzo costringendolo a proseguire la corsa. L’autista non ha esitato a contattare il 112. I carabinieri hanno raggiunto il bus accertando l’accaduto.

Recentemente anche i Carabinieri di San Vito dei Normanni hanno denunciato per “interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità”, 8 cittadini extracomunitari domiciliati nel “Resort dei Normanni” di San Vito dei Normanni. Le 8 persone  sprovviste di valido titolo di viaggio all’invito rivolto dal personale preposto al controllo, si sono rifiutate di scendere dall’autobus di linea della società Stp tratta San Vito dei Normanni – Brindisi, turbando pertanto la regolarità del pubblico servizio di trasporto e provocando  ritardo alla circolazione. Alla fine con l’intervento dei militari sono stati invitati a scendere  dall’autobus.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento