menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le foto pubblicate dal direttore dei lavori, Luigi Dell'Atti

Le foto pubblicate dal direttore dei lavori, Luigi Dell'Atti

Chiesa di San Paolo, restauro terminato: “Cominciamo a scoprire gli altarini”

Le foto dell’interno pubblicate dal direttore dei lavori, Luigi Dell’Atti: scoperto un affresco del Trecento. Possibile riapertura a metà settembre

BRINDISI – “Cominciamo a scoprire gli altarini”, dice l’architetto. Quelli della chiesa di San Paolo Eremita, nel centro di Brindisi, rimessa a nuovo dopo due anni di restauro e prossima alla riconsegna alla città: la riapertura è prevista per la metà di settembre e il direttore del team, Luigi Dell’Atti, ha svelato alcuni dei risultati ottenuti all’interno dopo due anni di lavori. Un'anteprima a portata a di tutti.

Il restauro

luigi dell'atti architetto-2Il professionista brindisino (nella foto accanto), direttore dei lavori, ha scattato e pubblicato sulla sua pagina Facebook alcune fotografie che documentano cosa è stato fatto a partire dal mese di settembre 2016, puntando sulla disponibilità di quasi un milione e trecentomila euro. Fondi riconosciuti dalla Regione Puglia alla fine del 2015 all’Arcidiocesi di Brindisi nell’ambito del progetto finalizzato al recupero e alla valorizzazione di cattedrali, santuari e musei diocesani della Puglia.

Il finanziamento

Guardando alle condizioni in cui si trovava la chiesa di San Paolo Eremita, la Regione ha destinato la somma complessiva di 1.292.387 euro, destinata soprattutto agli interni.  La facciata venne ricostruita nel diciannovesimo secolo, anche con un arretramento, per scongiurare pericoli di crollo. Altri interventi di restauro sono stati eseguiti nel 1964. Mai nessuno però si sarebbe preso cura di quel che c’era all’interno.

affresco chiesa san paolo-2

La scoperta

Il gruppo di architetti lo scorso mese di maggio ha scoperto un affresco risalente al Trecento, in stile bizantino. Si tratta dello stesso periodo in cui venne eretta la chiesa, lì dove c’era l’abitazione di Margarito da Brindisi. L’opera era “nascosta” dietro un altare barocco del Settecento. Qui è rimasta sino a quando sono arrivate le mani operose degli architetti. L’affresco rappresenta la  dormizione di Maria, vale a dire il  momento della morte e dell’ascensione della Vergine.

chiesa san paolo eremita interno-2

La riproduzione in 3D

Stando a quanto di apprende, una parte di questo dipinto resterà nel punto in cui è stato trovata. Il pubblico potrà ammirarlo per effetto di una riproduzione tridimensionale. L’attesa cresce, bisognerà avere ancora un po’ di pazienza se è vero che la chiesa di San Paolo Eremita riaprirà tra due settimane.

chiesa san paolo eremita ter-2

In ogni caso, calendario a parte, i lavori di restauro sono terminati. Mancano le rifiniture in alcuni punti. Questione di giorni. Intanto, sono disponibili gli scatti inediti dei risultati ottenuti.



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento