menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sequestro dei trulli a Montevicoli

Il sequestro dei trulli a Montevicoli

Sequestrati trulli e piscina: non c'era autorizzazione paesaggistica

Stavano ristrutturando un complesso di trulli in difformità al permesso a costruire rilasciato dal Comune di Ceglie Messapica, e senza aver mai acquisito la prescritta autorizzazione paesaggistica

CEGLIE MESSAPICA – Stavano ristrutturando un complesso di trulli in difformità al permesso a costruire rilasciato dal Comune di Ceglie Messapica, e senza aver mai acquisito la prescritta autorizzazione paesaggistica. Denuncia, pertanto, per i due proprietari degli immobili rurali e per il direttore dei lavori, e conseguente sequestro sia dei trulli che della piscina in corso di realizzazione.

E’ il risultato di una operazione di servizio condotta dai carabinieri forestali della stazione di Ceglie Messapica in località Montevicoli, area di rilevante pregio ambientale tutelata, come gran parte del territorio comunale, dal Piano paesaggistico territoriale regionale (Pptr). I militari hanno ben presto accertato che il cantiere era sprovvisto dell’autorizzazione paesaggistica, che né i proprietari né il direttore dei lavori avevano mai richiesto.

Inoltre, anche gli interventi di modifica ai trulli erano parzialmente difformi alle indicazioni contenute nel permesso a costruire. Pertanto, i carabinieri forestali hanno segnalato G.F. di 70 anni e C.L. di 67 anni, i proprietari entrambi del posto, e il tecnico G.V. di 70 anni, alla procura della Repubblica di Brindisi per le violazioni constatate sia al Testo unico sull’edilizia, il Dpr 380/2001, che al Codice dei Beni culturali e del Paesaggio, Dlgs 42/2004 articolo 181, ed hanno posto i sigilli alle opere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento