Petardo contro la succursale della Morvillo Falcone: denunciati due minori

Presa di mira alle ore 8 di oggi la sede distaccata di San Vito dei Normanni. Grande spavento fra gli studenti. Indagini lampo: due 17enne bloccati dai carabinieri mentre si allontanavano a bordo di un autobus

SAN VITO DEI NORMANNI –   Le indagini sono state fulminee. Nel giro di poche ore sono stati identificati e denunciati a piede libero i presunti responsabili del lancio di un grosso petardo contro un’aula della sede distaccata di San Vito dei Normanni dell’istituto professionale Morvillo Falcone. Si tratta di due 17enni di Carovigno. I minorenni sono stati rintracciati dai carabinieri della stazione di San Vito dei Normanni e dai colleghi del Norm della locale compagnia mentre si trovavano ancora a bordo del pullman della Stp che collega Carovigno e Cisternino.

Sequestro petardi minoenni Morvillo Falcone 2-2

Grazie alle immagini riprese dalle telecamere del comando di Polizia locale di San Vito, situato al pian terreno dello sesso edificio che ospita anche la Morvillo Falcone, e di altri impianti di videosorveglianza della zona, i militari hanno ricostruito rapidamente l’accaduto, individuando anche il percorso seguito dai 17enni per allontanarsi dalla scuola.

Dopo averli bloccati, i carabinieri si sono recati presso le abitazioni dei minori, ritrovando diversi petardi. Il tutto, insieme agli indumenti indossati al momento della grave bravata, è stato sottoposto a sequestro. Gli indagati, denunciati alla Procura dei minori, devono rispondere dei reati di danneggiamento aggravato ed esplosione pericolosa aggravata. 

Sequestro petardi minoenni Morvillo Falcone-3

L’esplosione aveva provocato la rottura delle finestre di un’aula che fortunatamente era vuota. L’episodio si è verificato poco dopo le ore 8 di stamattina. Gli studenti erano entrati a scuola da pochi minuti.  L’ingresso principale dello stabile affaccia in piazza Louviers. La finestra presa di mira si trova ad angolo fra via De Gasperi e via Don Sturzo. Oltre agli stessi agenti della Polizia locale diretti da Alma Passante, sono interventi immediatamente i carabinieri della locale stazione e i colleghi della compagnia compagnia di San Vito dei Normanni al comando del capitano Antonio Corvino. Il sindaco di San Vito dei Normanni, Mimmo Conte, ha subito raggiunto la scuola, dove si trovava anche il responsabile della succursale.

Petardo scuola Morvillo Falcone San Vito dei Normanni 2-3

Il sindaco: "Responsabili da perseguire con decisione"

“In un primo momento – dichiara il primo cittadino a BrindisiReport – abbiamo pensato che l’obiettivo fosse la Polizia locale, ma in realtà si è appurato che si tratta di una ragazzata. Il gesto è estremamente grave, ma sono certo che non ci fosse l’intenzione di fare male a qualcuno, anche perché quell’aula era vuota, in quanto i ragazzi del quinto anno oggi iniziano il progetto di alternanza scuola/lavoro”.  Il sindaco spiega che i ragazzi delle altre classi sono rimasti all’interno della scuola. Non è stato necessario procedere con l’evacuazione.

La videointervista al sindaco: "I ragazzi sono sereni"

Petardo scuola Morvillo Falcone San Vito dei Normanni-4

“Mi sono sentito telefonicamente – dichiara ancora Mimmo Conte – sia con il questore (Ferdinando Rossi, ndr) che con il prefetto (Umberto Guidato, ndr) di Brindisi”. Conte, in servizio al commissariato di pubblica sicurezza di Ostuni, riveste in questo caso il doppio ruolo di sindaco e poliziotto. “Il questore – spiega il sindaco – mi ha sollecitato a seguire la situazione per arrivare all’idetificazione degli autori, in modo da perseguirli con molta decisione. Il prefetto ha seguito la stessa linea. Bisogna essere decisi e duri. Fortunatamente nessuno si è fatto male, ma ci sarebbero potute essere conseguenze per i ragazzi che si trovavano giù".

Petardo scuola Morvillo Falcone San Vito dei Normanni 3-2-2

Il drammatico ricordo dell'attentato 

La gravità del gesto è acuita anche dal drammatico ricordo dell’attentato che il 19 maggio 2012 venne perpetrato ai danni della sede centrale della scuola Morvillo Falcone. “Quando mi hanno parlato di una esplosione alla Morvillo Falcone – ammette Conte – mi sono tremate le gambe, perché la mattina del 19 maggio 2012 fui subito chiamato dopo lo scoppio della bomba. E stamattina ho ricevuto una telefonata simile, quasi alla stessa ora di quel tragico giorno”. 

Petardo scuola Morvillo Falcone San Vito dei Normanni-2

Non va dimenticato, inoltre, un altro grave atto vandalico perpetrato lo scorso mese di novembre a San Vito dei Normanni, quando venne deturpata la scalinata della legalità inaugurata pochi giorni prima all’ingresso della scuola media Buonsanto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Articolo aggiornato alle ore 16.10 del 13 gennaio (denunciati i responsabili)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Temporale sulla città: strade allagate e case senza energia elettrica

  • Covid: nuovo picco di casi in Puglia. Nel Brindisino altri due contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento