menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La trattativa tra l'assessore Mauro Masiello e la madre dei bambini (ph Salvatore Barbarossa)

La trattativa tra l'assessore Mauro Masiello e la madre dei bambini (ph Salvatore Barbarossa)

Sfratto: il Comune offre soluzione, ma la famiglia ancora non cede

Situazione sempre tesa a Parco Bove, dove l'assessore Mauro Masiello si è fatto personalmente garante delle proposte

BRINDISI – È in stallo, la trattativa a Parco Bove per evitare una esecuzione traumatica dell’ordinanza di sfratto a carico di un nucleo familiare composto da genitori e due bambini di sei anni e di un anno e mezzo. Sul posto ci sono l’assessore comunale Mauro Masiello, l’avvocato della famiglia, Carlo Zecca, assistenti sociali del Comune di Brindisi, la Polizia locale, la Polizia di Stato, i Vigili del Fuoco e una equipe del 118.

La situazione non è facile, ha detto a BrindisiReport l’assessore Mauro Masiello. La madre dei due bambini si è cosparsa gli abiti di benzina, ha anche infilato un cappio al collo per sottolineare che è disposta a tutto. Ma l’assessore ha formulato una soluzione accettabile per la famiglia. Il problema al momento è rappresentato dal fatto che la signora ha chiesto 15 giorni di tempo per cercarsi una casa, mentre la procura della Repubblica non è disposta a rinviare ancora l’esecuzione dello sfratto.

La proposta del Comune alla famiglia

L’amministrazione comunale, ha detto l’assessore Masiello, è disposta pagare un affitto di 300 euro mensili per il primo anno, contributo che passerebbe a 250 euro per il secondo anno, e a 200 euro per il terzo anno. Si tratta di una concessione in via eccezionale, data la situazione. Nelle more della ricerca di una casa, il Comune è pronto a concedere due stanze più bagno nella struttura di Villa Chiodi, impiegata per le emergenze abitative, o in alternativa, per la madre e bambini, ospitalità in una casa famiglia di Latiano.

Le richieste della famiglia

La signora chiede invece una casa entro oggi, e comunque un impegno scritto del Comune per l’erogazione dell’affitto, e rifiuta sistemazioni provvisorie a Villa Chiodi o nella casa famiglia di Latiano. Il Comune giuridicamente non può cercare abitazioni per casi singoli, e per quanto riguarda gli impegni del Comune, l’assessore Mauro Masiello se ne è fatto personalmente garante.

In questi minuti, per sbloccare la situazione ed evitare una esecuzione forzata dello fratto, a Parco Bove amici e vicini di casa della famiglia destinataria dello sgombero sono tutti al telefono per cercare una opzione abitativa attuabile da subito. Ulteriori aggiornamenti più tardi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Francavilla Fontana: nuove opportunità contro la povertà educativa

Attualità

San Donaci, compie 100 anni: auguri a nonna Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento