Frode fiscale da 200 mila euro: denunciato il titolare di un’azienda agrituristica

FASANO - Frode al fisco e omessa identificazione dei clienti: scatta la denuncia. Nei guai è finito il titolare di un’azienda agrituristica locale. Non poca la documentazione riconducibile all’azienda e passata in rassegna dalle fiamme gialle. Nel mirino una sequela di attività risultate in parte estranee al fisco. E’ quanto hanno appurato i militari della Compagnia della Guardia di finanza di Fasano.

Pattuglia della Guardia di finanza

FASANO - Frode fiscale e omessa identificazione dei clienti: scatta una denuncia. Nei guai è finito il titolare di una struttura agrituristica locale. Non poca la documentazione riconducibile all’azienda e passata in rassegna dalle fiamme gialle. Nel mirino una sequela di attività risultate in parte estranee al Fisco. E’ quanto hanno appurato i militari della Compagnia della Guardia di finanza di Fasano.

I baschi verdi - al termine di specifiche indagini, caratterizzate da ispezioni e da una dettagliata analisi economica e finanziaria - hanno scoperto una frode fiscale che ruotava attorno agli introiti derivanti sia dal fronte della produzione agricola sia dal mercato turistico. Sotto tiro una società del posto, che nel periodo di imposta 2008, 2009 e 2010 avrebbe omesso di dichiarare elementi positivi di reddito per circa 170.000 euro, riuscendo ad evadere Iva per un ammontare complessivo di 30.000 euro.

Stando alle verifiche, l’imprenditore non avrebbe documentato a dovere oltre il 50 per cento delle prestazioni rese alla propria clientela. Guadagni sommersi, dunque. Come “sommersa” sarebbe risultata, a seguito delle opportune verifiche, anche la posizione della struttura ricettiva nei confronti della Tv di Stato, essendo stata accertata l’evasione del canone Rai. Il titolare del complesso agricolo e agrituristico è stato inoltre dennunciato anche per omessa identificazione dei clienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento