Incendio doloso ai danni di pub del centro storico: si indaga

Ignoti hanno mandato in frantumi la vetrata di ingresso e lanciato all’interno del locale stracci impregnati di liquido infiammabile

FASANO – Incendio ai danni del pub “Cineporti”, sito nel centro storico di Fasano, presso i Portici delle Teresiane, alle prime ore del giorno di oggi, martedì 20 agosto.  Vigili del fuoco, Polizia locale e carabinieri sul posto. 

Da quanto si apprende si tratta di un’azione dolosa: ignoti hanno mandato in frantumi la vetrata di ingresso e lanciato all’interno del locale stracci impregnati di liquido infiammabile, appiccando il fuoco. I danni sono ingenti ma il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha evitato conseguenze peggiori.

Ad accorgersi del rogo sarebbero stati alcuni commercianti della zona che hanno subito chiamato i soccorsi. In queste ore i militari stanno visionando le telecamere installate nella zona che potrebbero aver ripreso gli incendiari in azione. Lo stesso locale era stato preso di mira la notte di Ferragosto, anche in quel caso ignoti tentarono di mettere fuoco, non riuscendoci.

(Foto in basso da www.gofasano.it)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento