menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Involucri di marijuana essiccata nascosti nel comodino: un arresto

Nuovi guai per il brindisino Antonio Laroso. Nascondeva in casa 670 grammi di sostanza stupefacente. Due denunce a Oria

BRINDISI – Aveva nascosto nel comodino ben 670 grammi di marijuana essiccata, suddivisa in otto involucri. Il 34enne Antonio Laroso, di Brindisi, è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della stazione di Brindisi Centro. I militari si sono recati presso la sua abitazione nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto delle illecite attività legate al fenomeno della detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.Laroso Antonio classe 1984-2

Nel comodino della camera da letto, sono stati trovati gli involucri ricavati da buste in plastica per alimenti annodate, oltre a una bilancia elettronica di precisione di colore giallo con cestello grigio tarata da 1 a 5000 grammi. L’arrestato, già noto per reati relativi agli stupefacenti, espletate le formalità di rito, è stato condotto nella casa circondariale di Brindisi.

Due denunce a Oria

Sono stati denunciati a piede libero, invece, due persone che alla vista dei carabinieri hanno gettato dal finestrino dell’auto quattro bustine contenenti 9,6 grammi di hascisc. L’episodio si è verificato a Oria, in via Madonna della Scala, nell’ambito di un controllo effettuato dai carabinieri dell’Aliquota radiomobile della compagnia di Francavilla Fontana, 

Dopo aver recuperato gli involucri, i carabinieri hanno perquisito i due soggetti, trovando un’altra busta con tracce di droga nel marsupio del guidatore. La perquisizione è stata estesa all’abitazione. Qui, all’interno del comodino della camera da letto, sono state rinvenute ulteriori sette bustine in cellophane vuote, analoghe a quelle sequestrate. Tutto lo stupefacente rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento