rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Parte "Mare Sicuro 2013", i consigli

BRINDISI – Un gommone a Villanova per coprire la zona a maggiore intensità di presenze turistiche estive della costa brindisina, e un altro a Brindisi per gli interventi nell’area a sud della provincia, oltre alle motovedette in stand-by per gli interventi più importanti a tutela della vita umana e dell’ambiente

BRINDISI - Un gommone a Villanova per coprire la zona a maggiore intensità di presenze turistiche estive della costa brindisina, e un altro a Brindisi per gli interventi nell'area a sud della provincia, oltre alle motovedette in stand-by per gli interventi più importanti a tutela della vita umana e dell'ambiente. Con i due battelli veloci, che garantiscono una notevole flessibilità di impiego, e con a bordo personale addestrato al salvamento, la Capitaneria di Porto di Brindisi affronterà in determinati giorni della settimana i compiti di repressione e prevenzione dei comportamenti che violano l'ordinanza balneare 2013. A ciò si aggiunga l'intervento garantito 24 ore su 24 dal numero blu 1530 della Guardia Costiera.

Si sintetizza in questo l'operazione "Mare Sicuro 2013", cui sono chiamati a partecipare direttamente i cittadini osservando in navigazione, ad esempio, le seguenti norme basilari: prestare attenzione alle boe segnasub che vanno lasciate almeno a 100 metri dalla propria rotta; tenere in perfetta efficienza il propulsore del natante o dell'imbarcazione; prendere il mare solo sulla base di informazioni esatte sulle condizioni meteo e sulla presenza di ordinanze o di ostacoli che possono interdire la navigazione in determinate zone (sito web della Capitaneria di Porto di Brindisi; Avvisi ai naviganti; Bollettino del mare - Meteomar); controllo attrezzature di bordo e dotazioni di sicurezza; informare amici e familiari della propria destinazione prima di salpare.

Va anche ricordato che il proprietario e conduttore di una imbarcazione dal punto di vista normativo e legale è responsabile della sicurezza e della vita delle persone che ha a bordo, e ciò vale anche per i piccoli natanti. Le coperture assicurative sono efficaci se l'incidente viene segnalato tempestivamente all'autorità marittima e fa fede appunto questa denuncia. Altri consigli utili sono forniti dal sito www.guardiacostiera.it o direttamente dalla Capitaneria competente.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte "Mare Sicuro 2013", i consigli

BrindisiReport è in caricamento