menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Azienda ospedaliera universitaria Cisanello di Pisa

L'Azienda ospedaliera universitaria Cisanello di Pisa

Per Veronica un altro intervento

PISA – Le condizioni di Veronica Capodieci, la 15enne mesagnese, rimasta ustionata nell’attentato di sabato 19 maggio scorso, e attualmente ricoverata nell’ospedale di Pisa, Cisanello, rimangono stazionarie. Domani la studentessa sarà sottoposta ad un nuovo intervento chirurgico – fanno sapere dalla direzione sanitaria. La prognosi per Veronica rimane riservata e la sua situazione ancora delicata e grave.

PISA - Le condizioni di Veronica Capodieci, la 15enne mesagnese, rimasta ustionata nell'attentato di sabato 19 maggio scorso, e attualmente ricoverata nell'ospedale di Pisa, Cisanello, rimangono stazionarie. Domani la studentessa sarà sottoposta ad un nuovo intervento chirurgico - fanno sapere dalla direzione sanitaria. La prognosi per Veronica rimane riservata e la sua situazione ancora delicata e grave.

La giovane di Mesagne, Veronica Capodieci, si trova presso il Centro Ustioni dell'ospedale pisano. "Domani - si legge nel bollettino medico di Cisanello - Veronica sarà sottoposta al secondo intervento chirurgico, dopo il primo di venerdì scorso, quando dall'addome della giovane è stato estratto un corpo estraneo". Le condizioni della studentessa rimangono critiche, sono le speranze a non cedere. "La situazione della giovane - si legge ancora nella nota ospedaliera - prevede un lungo decorso, attraverso una serie di tappe successive e un costante monitoraggio delle sue condizioni cliniche generali che sono stazionarie, pur nella loro gravità".

La 15enne è sottoposta anche a cure antibiotiche per scongiurare una possibile setticemia. Veronica Capodieci è affiancata oltre che dall'equipe medica, da mamma e papà che sono lì a Pisa, da giovedì scorso, da quando la 15enne dall'ospedale di Lecce, il Vito Fazzi, viene trasferita a Cisanello, con un volo di Stato partito dall'aeroporto Papola - Casale di Brindisi. Veronica Capodieci, nel momento dello scoppio della bomba di quel maledetto 19 maggio scorso, si trovava davanti al gruppetto di ragazze amiche che scese dal pullman si dirigevano a scuola ed è stata quella maggiormente colpita oltre a Melissa Bassi, rimasta uccisa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Attualità

San Sebastiano, riconoscimento all'ex comandante Pietro Goduto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento