menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parte il Piano strategico della Cultura: prima tappa a Brindisi

Si chiama Piiil ed è il Piano Strategico della Cultura della Regione Puglia, un metodo innovativo, adottato per la prima volta in Italia, che promuove un percorso partecipato tra istituzioni, imprese, artisti, operatori e cittadini, finalizzato alla creazione di una strategia d'intervento delle politiche culturali 2014/2020

Si chiama Piiil ed è il Piano Strategico della Cultura della Regione Puglia, un metodo innovativo, adottato per la prima volta in Italia, che promuove un percorso partecipato tra istituzioni, imprese, artisti, operatori e cittadini, finalizzato alla creazione di una strategia d'intervento delle politiche culturali 2014/2020 unica e condivisa. Perché la cultura è Identità, Innovazione, ma anche Prodotto, Impresa e, quindi, Lavoro, e oggi, più che mai, occorre generare sempre maggiore consapevolezza sulla cultura come leva economica, in grado di produrre Pil, di produrre benefici per l'intera comunità.

Ascolto degli operatori - Piiil è un percorso di ascolto, di approfondimento delle esigenze e delle aspettative degli operatori culturali che partirà da Brindisi il 14 novembre con un incontro sulla progettazione culturale e la gestione dei beni,  passando per Taranto il 18 novembre con un incontro con i 'big players' e la Bat il 21 novembre con un incontro su sostegno, formazione e sviluppo, e culminerà in un lungo 'weekend della cultura' in programma 16,17 e 18 dicembre in simultanea a Foggia, Bari e Lecce. 

Le conferenze territoriali - Tre grandi conferenze territoriali nel corso delle quali istituzioni, imprese, artisti e operatori della cultura si confronteranno e interrogheranno sui cinque temi del Piiil: Prodotto, Identità, Innovazione, impresa, Lavoro. Ciascun incontro sarà, dunque, diviso in cinque sessioni di lavoro, ogni sessione sarà introdotta da un “relatore del tema”, ovvero un esperto di livello internazionale. I partecipanti saranno divisi tra i tavoli allestiti e organizzati per sei aree di intervento: attività culturali, istituzioni culturali, spettacolo dal vivo, beni culturali e ambientali, industria creativa, industria audiovisiva.  A margine di ciascuna conferenza sarà redatto e pubblicato un report che costituirà il documento di partenza per la redazione del Piano strategico. Seguiranno i lavori un gruppo di esperti di fama nazionale e uno staff di consulenti tecnici. Ogni esperto avrà a disposizione un team di giovani, coprotagonisti della costruzione del Piano Strategico della Cultura e chiamati a concorrere attivamente nella pianificazione del prossimo futuro del territorio.

Il  weekend della cultura sarà, dunque, il momento di sintesi del percorso e si svolgerà in tre luoghi simbolo della crescita del Piiil culturale della Puglia: Camera di Commercio di Foggia, Fiera del Levante di Bari, e Università degli Studi di Lecce. Tre luoghi, sei obiettivi strategici (riempire di contenuti i contenitori, sviluppare il prodotto culturale, valorizzare l’identità del Territorio, costruire nuova cultura d’impresa, puntare su I'innovazione, formazione  e internazionalizzazione, generare lavoro e buona occupazione), cinque  azioni di sistema (progettazione culturale strategica di qualità, formazione e qualificazione professionale, Focus Group: Taranto e i Big Players, lettura, nuovo assetto normativo e regolamentare), per una Puglia che ambisce a essere attrattiva 365 giorni l'anno.

foto Piano Strategico Cultura-2

La piattaforma online - Parallelamente agli incontri sul territorio sarà attivo all’indirizzo www.piiilculturapuglia.it, piattaforma online del Piano, il secondo pilastro di ascolto e partecipazione del percorso regionale rivolto ad addetti ai lavori e cittadini. Attraverso la piattaforma online sarà possibile iscriversi agli eventi e consultare materiali di approfondimento, seguire l’andamento delle azioni di sistema e il work-in-progress e, nel medio periodo, diventerà il nuovo portale integrato della Cultura e del Turismo della Regione Puglia. 

Emiliano - Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale Loredana Capone hanno presentato questa mattina in conferenza stampa, svoltasi a Bari presso la sala Giuseppina del Teatro Kursaal Santalucia, il Piano Strategico della Cultura che servirà a definire le politiche culturali 2014/2020 attraverso un processo partecipato, unico in Italia, che coinvolgerà istituzioni, filiera culturale e territorio.

“Vorrei provare a chiedere al mondo della cultura pugliese di riconnettersi con il suo pubblico. Mi auguro – detto Emiliano - che gli operatori culturali si pongano nuovamente il problema di come conquistare il pubblico sottraendolo alla noia, all’inedia, all’ignoranza. Tutte questioni che la cultura ha sempre superato nella storia dell’umanità. Scoraggiarsi non ha senso, pensare che non ci sia altro rimedio che fare come si è fatto l’anno passato è sbagliato. L’idea di vedere quanti soldi ci sono per poi dividerli non funziona più. Quando qualcuno ha una buona idea e noi la giudicheremo talmente valida da dovere essere sostenuta, la finanzieremo. L’idea buona può anche essere una provocazione, soprattutto deve essere libera nel rapporto con la politica". 

Esperti e consulenti - Francesco Cascino  Contemporary Art Consultant – direttore artistico Arteprima Non profit – docente di Arte, Mercato, Rigenerazione e Sviluppo per il tema Prodotto, Alessandro Leogrande, scrittore, vicedirettore del mensile «Lo straniero» per il tema Identità, Patrizia Asproni, presidente Confcultura  per il tema Innovazione, Guido Guerzoni, docente presso Sda Bocconi per il tema Impresa e Michele Trimarchi, professore ordinario di Economia Pubblica all’Università di Bologna per il tema Lavoro. Lo staff dei consulenti tecnici: Antonella Agnoli, Consiglio Superiore dei Beni Culturali del Mibact, Ugo Bacchella, presidente di Fondazione Fitzcarraldo e professore presso l’Università di Bologna, Flavia Barca, presidente dell’Associazione Acume, Andrea Billy, professore di Economia Università La Sapienza di Roma, Claudio Bocci, direttore di Federculture, Giuseppe Giaccardi,progettista, coach e pianificatore e infine Vincenzo Santoro, responsabile del Dipartimento Cultura e Turismo dell’Anci.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento