menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una tartaruga morta trovata anche sulla spiaggia di S.Lucia

Dopo l'esemplare rinvenuto a Punta Penne. Tra le possibili cause, gli sbalzi termici delle acque costiere

BRINDISI - Non era l'esemplare rinvenuto in avanzato stato di decomposizione su una delle spiagge di Punta Penne, l'unica tartaruga marina morta giunta a riva sulla costa di Brindisi nelle ultime settimane. Un'altra Caretta caretta priva di vita è stata infatti scoperta sulla spiaggia di Santa Lucia da un dipendente del Ministero della Difesa. In questo caso la carcassa era in uno stato di conservazione migliore rispetto a quello di Punta Penne.

In queste settimane si sta osservando una elevata mortalità di tartarughe in Adriatico, e ciò potrebbe essere legato agli sbalzi termici delle acque, dovute alle mutevoli condizioni meteomarine. Ma ciò potrebbe essere stabilito dall'esame degli esemplari deceduti. Tra le altre, principali cause di morte, le attività di pesca professionale: le apnee prolungate dovute all'imprigionamento nelle reti a strascico, nei palangari o nei tramagli spesso non lasciano scampo alle tartarughe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento