menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sì all'obbligo di abbattere le piante potenzialmente infette da Xylella"

Bruxelles "può obbligare gli stati membri a rimuovere tutte le piante potenzialmente infettate" incluse quelle "non presentanti sintomi d'infezione, qualora esse si trovino in prossimità delle piante già infettate"

Sì all'obbligo di abbattere le piante potenzialmente infette da Xylella. Lo ha stabilito la Corte Ue, secondo cui Bruxelles "può obbligare gli stati membri a rimuovere tutte le piante potenzialmente infettate" incluse quelle "non presentanti sintomi d'infezione, qualora esse si trovino in prossimità delle piante già infettate". Questa misura, infatti, "è proporzionata all'obiettivo di protezione fitosanitaria" ed "è giustificata dal principio di precauzione", in base alle prove scientifiche in possesso della Commissione. Con la sentenza odierna, resa nell'ambito di un procedimento accelerato, i giudici di Lussemburgo confermano "la validità della decisione della Commissione" con cui ha imposto l'obbligo di procedere alla rimozione immediata delle piante ospiti del batterio killer degli ulivi, indipendentemente dal loro stato di salute, se situate in un raggio di 100 metri attorno alle piante infettate.

Questa decisione non prevede di per sé un regime di indennizzi per gli agricoltori. Secondo la Corte, infatti, questo "non è in contraddizione con l'obbligo di eseguire un opportuno trattamento fitosanitario" che riguarda non la pianta in se ma gli insetti 'vettori' dell'infezione batterica, e quindi mira a limitarne il rischio di diffusione "al momento della successiva rimozione della pianta". Inoltre, sebbene i pareri scientifici non abbiano dimostrato l'esistenza di un sicuro nesso causale tra la Xylella e il disseccamento degli ulivi, risulta "una correlazione significativa tra tale batterio e la patologia di cui soffrono gli olivi". Di conseguenza, il principio di precauzione "può giustificare l'adozione di misure di protezione come la rimozione delle piante infette", tenuto conto anche del fatto che è la cicalina, che vola a un centinaio di metri, a diffondere il batterio e che le piante appena contaminate non mostrano immediatamente i sintomi. Si tratta quindi di una "misura appropriata e necessaria".

Allo stesso modo, "la Corte considera che la rimozione delle piante ospiti situate in prossimità delle piante infette è rigorosamente proporzionata", vista anche l'adozione da parte della Commissione, nel 2014, di misure meno gravose che non hanno consentito di impedire la propagazione del batterio nella parte settentrionale della provincia di Lecce, e la rinuncia ad imporre la rimozione delle piante ospiti situate in prossimità delle piante infette in presenza di alcune circostanze, ossia quando, come nel caso della provincia di Lecce, l'eradicazione del batterio Xylella non è più possibile. Inoltre "l'adozione di misure meno gravose non risulta possibile, in quanto non esiste attualmente alcun trattamento che consenta di guarire in campo aperto le piante infette". Lussemburgo avverte però che, in caso di nuovi dati scientifici da cui emergesse che non è più necessario procedere all'abbattimento delle piante ospiti, la Commissione dovrebbe modificare le misure. Allo stesso modo ricorda che, sebbene queste non prevedano un indennizzo ai proprietari, questo non può però essere escluso.

Il presidente della Regione, Michele Emiliano, intanto annuncia di aver convocato una riunione della Task force sulla ricerca scientifica sul complesso del disseccamento rapido dell’olivo (Codiro)  per martedì 14 giugno presso la sala conferenze della sede di via Gentile, 52.
“La sentenza – dichiara il governatore - ribadisce l’assenza della prova scientifica del nesso causale fra batterio ed essiccamento. Purtroppo nonostante l’assenza di tale evidenza scientifica la Corte ha ritenuto di confermare misure drastiche che rischiano di produrre conseguenze inimmaginabili per il nostro paesaggio e anche per la nostra economia”. 

All’esito della riunione della Task force, Emiliano intende incontrare la Procura di Lecce e il ministero dell’Agricoltura. “Sulla base della  Michele Emilianoposizione italiana che scaturirà da tali incontri richiederò un incontro con le massime Autorità dell’Unione Europea, ovvero con il Commissario europeo per la salute e la politica dei consumatori Vytenis Andriukaitis, con il Commissario all’Agricoltura Phil Hogan e con il Commissario all’Ambiente Karmenu Vella”

“La Regione Puglia vuole definire un percorso di lunga prospettiva che tenga conto delle misure compensative e degli indennizzi a favore dei soggetti colpiti dalle eventuali misure imposte dall’Unione Europea. Intende inoltre condividere un progetto complessivo di ripensamento e rilancio dell’agricoltura nelle zone colpite. Infine definire un piano di salvaguardia del patrimonio arboreo insostituibile della Regione Puglia, a cominciare dai nostri ulivi secolari.

Faremo di tutto per proteggere il patrimonio paesaggistico della nostra Regione e per questo seguiremo ed sosterremo la ricerca scientifica e in particolare i protocolli sperimentali più promettenti volti a garantire una maggiore resistenza delle piante di olivo alla batteriosi”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento