rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica Ostuni

Lite in Consiglio: dopo le opposizioni, anche la maggioranza dal Prefetto

OSTUNI - Sindaco, assessori e capigruppo di maggioranza saranno ricevuti dal Prefetto di Brindisi, Nicola Prete, martedì prossimo 19 ottobre alle ore 11. Il Prefetto ha risposto, infatti, ad una precisa richiesta sottoscritta dagli stessi amministratori comunali di Ostuni che avevano appreso dell’incontro avuto dal rappresentante del Governo con alcuni consiglieri comunali della minoranza.

OSTUNI - Sindaco, assessori e capigruppo di maggioranza saranno ricevuti dal Prefetto di Brindisi, Nicola Prete, martedì prossimo 19 ottobre alle ore 11. Il Prefetto ha risposto, infatti, ad una precisa richiesta sottoscritta dagli stessi amministratori comunali di Ostuni che avevano appreso dell'incontro avuto dal rappresentante del Governo con alcuni consiglieri comunali della minoranza. "Per consentire al Prefetto - si legge nella richiesta - di avere un giudizio completo su azioni e dichiarazioni che appaiono assolutamente lontane dalla realtà e per assicurare ai sottoscritti un doveroso contraddittorio, chiediamo un incontro ufficiale con il Prefetto di Brindisi".

La risposta della Prefettura non si è fatta attendere. Gli amministratori saranno ricevuti presso l'Ufficio territoriale del Governo martedì prossimo. Nei giorni scorsi il Prefetto di Brindisi aveva incontrato una delegazione dei gruppi della minoranza, per ascoltare le loro ragioni in merito alle frizioni venutesi a creare durante l'ultima seduta consiliare e che avevano spinto gli stessi rappresentanti dell'opposizione ad abbandonare l'aula, in segno di protesta e solidarietà con il capogruppo della Sinistra alternativa, Salvatore De Stradis, protagonista di un alterco con il primo cittadino, Domenico Tanzarella.

Nel mirino delle forze di opposizione sarebbe di conseguenza finito anche il presidente del Consiglio comunale, reo secondo la minoranza di non aver garantito il civile e democratico dibattito in aula. "Attacchi strumentali", ha subito replicato il coordinamento cittadino del Pd, nell'esprimere piena solidarietà al presidente del Consiglio comunale, Angelo Melpignano, al sindaco e alla Giunta.

"Il Partito Democratico di Ostuni - scrive il coordinatore cittadino, Silvestro Iaia - è rispettoso delle prerogative che spettano a Sua eccellenza il Prefetto di Brindisi, presso il quale le forze politiche di opposizione hanno rivolto i loro appunti, ma ribadisce con forza, avendo avuto un approfondito esame fra assessori e consiglieri comunali, che il comportamento del Presidente del consiglio è stato corretto e opportuno per impedire la degenerazione di un dibattito consiliare in una rissa".

Quanto al Governo della città, il Pd sottolinea: "E' trasparente e rispettoso delle norme e delle leggi. Le scelte politiche ed amministrative sono sempre e naturalmente soggette alla critica e alla valutazione delle Forze politiche e dell'intera città. Il naturale confronto fra consiglieri e forze politiche non può essere messo in discussione da atteggiamenti di arroganza che possono essere quelli del potere ma anche quelli di chi si avventura in giudizi di merito e in giudizi di fatto che possono offendere la onestà delle persone, le competenze, la correttezza istituzionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite in Consiglio: dopo le opposizioni, anche la maggioranza dal Prefetto

BrindisiReport è in caricamento