menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto del sindaco Brandi con il prefetto Vardè

Una foto del sindaco Brandi con il prefetto Vardè

Centrodestra a pezzi a Carovigno: si dimette il sindaco Brandi

Dimissioni anche al Comune di Carovigno, ma del sindaco. Carmine Brandi ha preferito protocollare la sua rinuncia alla carica di primo cittadino piuttosto che piegarsi alla pressione degli otto consiglieri, sui dieci della maggioranza, fedeli al senatore Vittorio Zizza e a Direzione Italia

CAROVIGNO - Dimissioni anche al Comune di Carovigno, ma del sindaco. Carmine Brandi ha preferito protocollare la sua rinuncia alla carica di primo cittadino piuttosto che piegarsi alla pressione degli otto consiglieri, sui dieci della maggioranza, fedeli al senatore Vittorio Zizza e a Direzione Italia.

Se si tratti di un addio o di un arrivederci lo si capirà nel corso dei canonici 20 giorni concessi ai sindaci dimissionari per cambiare idea.Dipende se gli otto, e chi rappresentano, preferirà passare a posizioni meno rigide piuttosto che affrontare (come a Brindisi da oggi) un anno di commissariamento e poi nuove elezioni, influenzate dall'eesito delle elezioni poltiche che probabilmente le precederanno.

La svolta giovedì, quando il documento degli otto con la richiesta di rimpasto della giunta con poche condizioni trattabili ha portato allo scoperto la crisi latente da mesi con la divisione del fronte di centrodestra che aveva battuto nelle urne Mimmo Mele. Carovigno è in mezzo al guado, senza Piano urbanistico generale pur disponendo di otto chilometri di costa, l'unica strada per dare ordine a un turismo caotico e di qualità non certo paragonabile a quello delle vicine Ostuni e Fasano.

La principale bandiera che il territorio di Carovigno oggi può sventolare sui mercati nazionali ed esteri è quella del l'Area marina protetta di Torre Guaceto ed il suo indotto, che nelle scorse settimane ha fruttato una Bandiera Blu. Ma il rapporto tra i due Comuni in cui ricade la riserva (il secondo è Brindisi) e il Consorzio di gestione dell'Amp non è certo idilliaco. Dello sviluppo promesso da tutti gli schieramenti ad oggi non si è vista traccia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento