rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

Palaeventi, nodo espropri: "Inopportuno incremento delle somme stanziate"

L'assessore allo Sport del Comune di Brindisi, Oreste Pinto, fa il punto sugli espropri, in risposta a un'interrogazione della consigliera Carmela Lo Martire

BRINDISI – Al momento non è opportuno prevedere un incremento delle somme stanziate per le procedure di esproprio dei terreni in cui verrà realizzato il palaeventi, in contrada Masseriola. Lo ha chiarito l’assessore allo Sport del Comune di Brindisi, Oreste Pinto, in risposta a un’interrogazione della consigliera comunale Carmela Lo Martire, durante la seduta del consiglio comunale che si sta svolgendo questo pomeriggio (mercoledì 24 novembre). L’interrogazione riguardava “l’insoddisfazione dei proprietari dei terreni espropriati, non convinti della congruità dell’offerta”, ad eccezione di un solo proprietario che è stato liquidato dall’amministrazione comunale.

L’assessore Pinto ha confermato che le cose stanno in effetti così: “Tutti i (circa 20, ndr) comproprietari (ad eccezione di uno) non hanno accettato l’indennità determinata ed offerta dal settore Lavori Pubblici – si legge in una nota a firma del dirigente del settore, Fabio Lacinio, letta in aula dall’assessore – somma equivalente al valore di mercato per terreni aventi destinazione urbanistica conforme all’opera pubblica da realizzare”. Il dirigente conferma inoltre che qualcuno degli espropriati ha già presentato una richiesta di parte. Specifica però che si tratta di una richiesta non vincolante per l’amministrazione comunale, in quanto gli stessi “hanno contestualmente manifestato la volontà di avvalersi del collegio peritale, composto da tre tecnici (due nominati dai proprietari espropriati e dall’amministrazione comunale ed il terzo dal presidente del tribunale a seguito di richiesta privata), che provvederà a depositare presso questo Comune relazione di stima del bene acquisito al patrimonio comunale”.

Al momento, dunque, non vi è certezza “se la stima che il collegio dei tecnici depositerà sarà superiore – rimarca il dirigente – a quella determinata ed offerta ai comproprietari dal settore”. Per questo “non è opportuno in questa fase prevedere un incremento delle somme stanziate”. “Inoltre – si legge infine nella nota – ipotizzando che (la somma, ndr) sia superiore non vi è certezza che venga accettata dalle parti (proprietari espropriati e Comune), i quali potranno promuovere giudizio di opposizione alla stima, davanti alla Corte d’Appello di Lecce”.

 La consigliera ha inoltre chiesto (tale domanda non era inserita nell’interrogazione depositata nei giorni scorsi) se siano scaduti i termini per un eventuale ricorso al Tar. L’assessore si è riservato di rispondere prossimamente, dopo essersi consultato con la struttura tecnica. Va ricordato che il palaeventi sarà realizzato da un’Ati capeggiata dalla New Basket Brindisi. Lo scorso 21 maggio, a margine della sottoscrizione della convenzione, si disse pubblicamente che entro fine anno si sarebbe potuto avviare il cantiere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palaeventi, nodo espropri: "Inopportuno incremento delle somme stanziate"

BrindisiReport è in caricamento