rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Politica

Grillini, Di Maio: "No a Vitali imputato al Csm. Perché Napolitano tace?"

"I cittadini italiani conoscono Luigi Vitali? E' il candidato di Renzi e Berlusconi al Consiglio Superiore della Magistratura. E' imputato al Tribunale di Napoli per falso. Il 10 ottobre dovrà affrontare l'udienza preliminare nell'ambito di un'inchiesta stralcio sulla P4".

ROMA - "I cittadini italiani conoscono Luigi Vitali? E' il candidato di Renzi e Berlusconi al Consiglio Superiore della Magistratura. E' imputato al Tribunale di Napoli per falso. Il 10 ottobre dovrà affrontare l'udienza preliminare nell'ambito di un'inchiesta stralcio sulla P4". Lo scrive su facebook il vice presidente della Camera, Cinque Stelle Luigi Di Maio.

"Il Pd sta per eleggere - spiega il vicepresidente della Camera - nell'organo che decide sulle posizioni dei magistrati, un individuo che rischia la condanna da parte di un magistrato. Vitali una volta eletto al Csm potrebbe chiedere il trasferimento del giudice che lo sta per giudicare. Come potrà quel giudice agire serenamente se dovrà sentenziare su chi controlla il suo operato?"

E' il nuovo corso della giustizia ad personam di Pd e Forza Italia -sottolinea Di Maio- come diceva De Andre': "prima cambiarono il giudice e subito dopo la Legge. E' vero che non hanno avuto remore a piazzare indagati e imputati in Parlamento, ma abbiano almeno la decenza di tenerli fuori dal Governo della giustizia", conclude.

“Perchè Napoltano tace sulla candidatura di Luigi Vitali al Csm?” Ha poi aggiunto in un'intervista a Sky Tg24, il vice presidente della Camera Luigi Di Maio. "Nel Patto del Nazareno -ha premesso l'esponente del M5S- non rientrano solo gli avatar di Berlusconi come Antonio Catricalà ma anche gente come Luigi Vitali che, in questi giorni, il Pd e Fi stanno votando insieme come componente del Csm".

"Ormai siamo abituati al fatto che Pd e Fi mettano gli imputati all'interno degli organi dello Stato ma almeno al Csm ci dovrebbero entrare persone di specchiata moralità. Se la giustizia in Italia non funziona, questo è anche dovuto al fatto che si spartiscono le poltrone pure in un organo come il Csm. Questa è una cosa che sta passando sotto silenzio. Napolitano non ha detto una parola sul fatto che Vitali è un imputato e che Pd e Fi lo stiano votando", ha concluso Di Maio.

Luigi VitaliPer quel che riguarda la vicenda giudiziaria di Napoli, Vitali, all’epoca dei fatti membro della Camera dei deputati e quindi “pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni, dopo essersi qualificato avrebbe attestato che la giornalista era in realtà una collaboratrice del proprio ufficio con rapporto stabile continuativo. In concorso con la giornalista, originaria della Puglia e residente a Roma, Vitali avrebbe inoltre compilato il modulo predisposto dall’amministrazione penitenziaria, inducendo in errore sull’effettiva sussistenza dei presupposti i pubblici ufficiali addetti al controllo che registrarono Chirico come “accompagnatrice”, formando così a parere dell’accusa “un atto pubblico ideologicamente falso”.

L’avviso di fissazione dell’udienza preliminare è stato notificato ai legali dei due imputati, Roberto Palmisano e Luigi Giuliano. Vitali è nell’elenco degli 8 membri laici, tre dei quali già eletti, in corsa per il Csm per cui si tornerà a votare lunedì in parlamento. 

L'ex parlamentare e sottosegretario di Forza Italia è anche imputato a Brindisi insieme ad altre 16 persone, quasi tutti consiglieri comunali un processo per abuso d'ufficio in relazione a una delibera sul piano delle farmacie da lui votata nelle assise di Francavilla Fontana. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grillini, Di Maio: "No a Vitali imputato al Csm. Perché Napolitano tace?"

BrindisiReport è in caricamento