Studenti a lezione di archeologia

BRINDISI - Gran numero di visitatori alla Collezione Faldetta: le scuole apprezzano al struttura. E il Comune pensa a nuovi progetti culturali per i più giovani.

Gli studenti del Palumbo

BRINDISI - Sono giunti al termine i diversi appuntamenti che, nel mese di ottobre, hanno visto protagonisti 290 studenti in visita alla Collezione Archeologica Faldetta. Alcune classi dell'Istituto comprensivo "Bozzano" e tutte le prime del "Liceo delle Scienze Umane" e "Liceo Linguistico Statale Ettore Palumbo" della città di Brindisi, si sono recate, accompagnate dai propri docenti, ad ammirare le antiche testimonianze archeologiche di età greca e magno-greca presenti nella Palazzina del Belvedere. Gli studenti hanno ascoltato la spiegazione offerta dagli operatori culturali di ogni singolo reperto archeologico. Tali visite, organizzate dagli istituti scolastici in questione, rientrano nel programma scolastico mirato alla promozione e alla valorizzazione del territorio brindisino.

"Al primo mese dalla apertura della Palazzina del Belvedere - afferma il Sindaco Mimmo Consales - ho espresso la mia soddisfazione per il grande numero di presenze registrate, il che dimostra quanto la collezione sia un ulteriore motivo di attrazione turistica per la città di Brindisi, ma al contempo, ho dichiarato la necessità di coinvolgere quanto più possibile gli istituti scolastici. Ed oggi queste visite delle scuole rappresentano un primo importante approccio tra due realtà educative differenti ma vicine".

"I musei, le collezioni archeologiche - aggiunge il primo cittadino - non devono essere considerati uno spazio chiuso, unici rappresentanti della conservazione dei beni culturali, ma mezzi tramite i quali la società rappresenta il suo rapporto con la propria storia".

A tal fine, nelle prossime settimane, l'associazione culturale "Le colonne arte antica e contemporanea" in collaborazione con il Comune di Brindisi - Settore Beni Monumentali, coordinato dall'architetto Maurizio Marinazzo, presenteranno alcuni progetti finalizzati alla partecipazione attiva degli istituti scolastici di Brindisi. Di notevole interesse, per sensibilizzare le giovani generazioni al rispetto e alla tutela del patrimonio storico - culturale ed ambientale della città, sarà il progetto "Adotta un monumento". Infatti, attraverso la simbolica "adozione" di un monumento che liberamente ogni scuola potrà scegliere, sarà possibile sviluppare negli studenti la conoscenza del bene culturale e porre anche stimoli ad averne cura e valorizzarlo.

Per maggiori informazioni contattare il Settore Beni Monumentali del Comune di Brindisi al numero 0831 229643 o tramite l'indirizzo di posta elettronica sediculturali@comune.brindisi.it.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid, coniugi muoiono a poche ore di distanza dopo 50 anni insieme

  • Covid, in Puglia terminati posti Ecmo: paziente di 39 anni trasferita dal Perrino

  • A piedi sulla superstrada, comandante della Polizia locale attiva i soccorsi ed evita il peggio

  • Palestra aperta in barba alle norme anti-Covid: scatta la sanzione

  • Covid. La Puglia ti vaccina: via all'adesione delle persone nate nel 1950 e nel 1951

  • Tenta suicidio gettandosi in mare, 40enne salvato dai carabinieri

Torna su
BrindisiReport è in caricamento