Giovedì, 21 Ottobre 2021
Basket

Happy Casa Brindisi: campionato numero 10 per un ruolo da protagonista

Si riparte domenica prossima da Trieste. Tutta da scoprire la squadra di coach Vitucci che ha conservato il “gruppo-Italia” e farà affidamento sul nuovo asse “Perkins & Perkins”. Riconoscimento per il presidente Nando Marino per la conferma di coach Vitucci e Simone Giofrè

BRINDISI - Eravamo rimasti tutti in piedi ad applaudire una squadra che ha giocato un basket brillante ed ottenuto risultati straordinari, forse irripetibiIi. Una squadra che aveva fatto sognare e divertire per tutta la stagione agonistica 2020/21, stabilmente inserita nei primi posti della classifica con imprese storiche, apparse quasi normali, come le vittorie contro Bologna e Milano, i successi in Champions League e quelli in Supercoppa, una formazione quella di Happy Casa che aveva iniziato il campionato con l’incubo di dover rimpiangere la partenza degli idoli Adrian Banks e John Brown. Nulla che lasciasse prevedere, insomma, una svolta così immediata e la conoscenza con nuovi e più sorprendenti idoli messi insieme dall’intuito del direttore sportivo Simone Giofrè, come Derek Willis, D’Angelo Harrison, Nick Perkins e la maturazione tecnica e tattica di uno straordinario Darius Thompson, oltre alla stagione prestigiosa, ancora una volta da “Award”, di coach Vitucci e del suo eccezionale staff.

Brindisi: la “casa” dei campioni

Poi partono quasi tutti. Lasciano il cuore a Brindisi, città che prima fissano come “casa mia”, ma poi vanno dove li porta il dollaro, secondo le sacre regole del professionismo, sedotti e stregati da contratti a tanti zeri quanti attualmente la New Basket Brindisi non può permettersi di garantire. E così la palla ancora una volta passa a Simone Giofrè e coach Vitucci a cui per la stagione agonistica 2021/22 si chiede di realizzare ancora un nuovo miracolo sportivo, compatibilmente con il budget che la società di Nando Marino ha messo a disposizione, con l’apporto dello sponsor Happy Casa e degli altri sponsor. 

Happy Casa Brindisi 2021-2

Si riparte da Trieste: la squadra che verrà

Per definire il valore del nuovo roster e quale campionato potrà disputare bisognerà attendere il responso del campo a cominciare dalla difficile trasferta di Trieste, prima partita in calendario. La squadra ha avuto poche possibilità di allenarsi al completo per le defezioni di Wes Clark e Jeremy Chappel e, soprattutto, perché grazie ad un assurdo format della Super Coppa, Happy Casa ha giocato poche partite, e non ha potuto guadagnare il necessario ritmo gara ed integrare i giocatori nuovi arrivati nei giochi predisposti dallo staff brindisino in quel che rimane del collettivo dello scorso campionato.

Riccardo Visconti, Happy Casa Brindisi-2

Ma le eccellenti prestazioni fornite dalla squadra contro Sassari ed in semifinale di SuperCoppa, contro i “mostri” di Olimpia Milano, ha già lasciato intravedere una sorta di continuità con la scorsa stagione agonistica, guadagnandosi ancora piena fiducia per il campionato che verrà. Coach Vitucci sa di poter contare sul consolidato gruppo “italiano”, sui riconfermati Raphael Gaspardo, atteso alla conferma dell’ottimo campionato disputato lo scorso anno, Alessandro Zanelli, Mattia Udom ed il giovane Riccardo Visconti, giocatore che almeno inizialmente troverà più spazio nel ruolo di guardia, in attesa del recupero di Wes Clark, ma anche su Alessandro Guido e sull’atleta italo-londinese Scott Ulaneo, ritornato in Italia dopo la parentesi americana. 

“Perkins & Perkins” nuovo asse portante per coach Vitucci

Poi c’è il nuovo pacchetto di stranieri scelti dal “duo Award” Vitucci-Giofrè. Ferma la Summer League a causa della pandemia, il mercato si è ristretto alle conoscenze ed allo studio delle caratteristiche tecniche e fisiche dei giocatori già conosciuti, per cui la scelta è caduta sulla conferma di Nick Perkins, che si è già presentato tirato a lucido ed in buona forma, e poi su Jeremy Chappel e Wes Clark quale “usato sicuro”, giocatori già noti al campionato italiano e per aver vestito anche la maglia di Happy Casa.

Nick Perkins-2

Fra i “new entry” spiccano i nomi di Josh Perkins, un play su cui c’è chi scommette che sarà il nuovo idolo dei fans brindisini e probabile rivelazione del campionato, che coach Vitucci però dovrà ben inquadrare in campo e fuori, per meglio sfruttare le sue indiscusse doti tecniche. Sono tutti da scoprire le doti e l’adattamento al campionato italiano di Myles Carter, Nathan Adrian, e quelle dell’argentino Lucio Redivo tuttavia già protagonista in Supercoppa e che rimarrà nel roster Happy Casa anche quando Wes Clark riprenderà il suo posto in squadra.

Coach Vitucci e Giofré-2

Il rinnovo del “duo Award” Vitucci-Giofrè colpo vincente di Nando Marino 

In pochi avrebbero immaginato che Nando Marino sarebbe riuscito a confermare i due “Award” del suo staff. Coach Vitucci ed il direttore sportivo Simone Giofrè, ancora una volta concordemente riconosciuti i migliori nel proprio ruolo per la stagione scorsa. I due “Award” erano fra i più ambiti dell’intera serie A, eppure il presidente Nando Marino è riuscito non solo a confermali per questa stagione agonistica ma anche e sopratutto a coinvolgerli in un progetto più ambizioso che li vedrà impegnati con Happy Casa Brindisi anche per il prossimi due anni. Con loro Nando Marino intende traguardare alla inaugurazione del nuovo Palaeventi, avvenimento destinato a fare ancora più grande il basket brindisino e rilanciarlo a livello nazionale ed europeo.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Happy Casa Brindisi: campionato numero 10 per un ruolo da protagonista

BrindisiReport è in caricamento