rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Sport

Dai 7mila del Fanuzzi al PalaLeonessa: una domenica adrenalinica per lo sport brindisino

Appuntamento storico per il Brindisi Fc, che contro la Cavese si gioca la promozione in Serie C. Posta in palio altissima anche per la Happy Casa Brindisi, impegnata sul parquet di Brescia

BRINDISI – Il Brindisi Fc si gioca la promozione in Serie C. La Happy Casa Brindisi punta al miglior piazzamento possibile nella griglia dei playoff scudetto, conquistati matematicamente grazie alla sconfitta rimediata ieri (sabato 28 aprile) da Pesaro, in quel di Napoli. Da anni non si viveva una domenica così adrenalinica, fra le due sponde dello sport brindisino.

Dal Fanuzzi alla Tv

Allo stadio Fanuzzi sono attesi più di 7mila spettatori per la partita contro la Cavese (calcio di inizio alle ore 15). I campani comandano il campionato di Serie D (girone H) con tre punti di vantaggio sugli uomini di mister Danucci. Una vittoria potrebbe essere il preludio di uno spareggio promozione in campo neutro, a meno che le sorti del campionato non si decidano all’ultima giornata (domenica 7 maggio), quando il Brindisi sarà di scena in casa del Gladiator, mentre la compagine salernitana ospiterà la Nocerina. La gara dovrebbe terminare poco prima delle 17. I 7mila del Fanuzzi avranno tutto il tempo per rientrare a casa, piazzarsi davanti al televisore e trepidare per la New Basket Brindisi, attesa da una gara altrettanto importante. 

Gli uomini di coach Vitucci, come detto, da ieri sera sono certi di chiudere la regular season, nella peggiore delle ipotesi, all'ottavo posto. Ma classificarsi settimo o ottavi vorrebbe dire incontrare ai quarti di finale della poule scudetto una fra l'Olimpia Milano e la Virtus Bologna, le due corazzate dalla Serie A. Vincendo le prossime due gare contro Brescia e Trieste, invece, la Stella del Sud potrebbe conquistare il sesto posto, affrontando quindi la più abbordabile Tortona nei quarti di finale. Ma la Germani sarà un avversario agguerrito. I lombardi incalzano Brindisi a due punti di distanza. Sostenuti dal tifo del proprio pubblico, venderanno cara la pelle per entrare fra le prime otto. 

Appuntamento storico per gli uomini di Danucci

Quella odierna sarà quindi una giornata dalle emozioni forti per gli sportivi brindisini. Per quanto riguarda il Brindisi Fc, la posta in palio è di valore storico. Il calcio brindisino manca dalla Serie C (un tempo C1) dal 1990. Negli ultimi 33 anni sono stati disputati appena quattro campionato di Serie C2 (due sotto la gestione di Mario Salucci, dal 2002 al 2004, gli altri due dal 2009 al 2011, inizialmente sotto la gestione dei fratelli Barretta, che nell’estate 2010 cedettero la società al duo Galigani-Pupino). 

Quattro parentesi in mezzo a vari campionati di Eccellenza (dove il Brindisi si è impantanato quasi per l’intero arco degli anni ’90) e di Serie D, categoria riconquistata nel 2019, al culmine di una scalata iniziata nel 2015 dai bassifondi della Prima Categoria (nella foto in basso, il presidente Daniele Arigliano). 

Il presidente Daniele Arigliano

L'urlo del 7mila per il rilancio del calcio brindisino

Nell’ultimo trentennio, insomma, più dolori che gioie sulla sponda calcistica. L’appuntamento odierno, in un Fanuzzi gremito come non lo si vedeva (forse) dalla gara di andata della semifinale playoff per la C1 del giugno 2010 contro la Cisco Roma, segna un prepotente ritorno di fiamma dei colori biancazzurri. Indipendentemente da come andrà a finire, questo è già un grandissimo traguardo per la società presieduta da Daniele Arigliano, che nel 2021 ha preso in mano le redini del sodalizio, avviando un progetto di rilancio. 

Obiettivo da non mancare per la Happy Casa

Tutt’altra storia, invece, sul fronte cestistico. La New Basket Brindisi sta disputando l’undicesimo campionato consecutivo di Serie A. La Stella del Sud è ormai in pianta stabile fra i giganti del basket nazionale e negli ultimi anni si è affacciata anche sul proscenio europeo. Lo scorso anno si è toccato il punto più basso, con una salvezza conquistata a stento. Ma è stata tutto sommato un’eccezione in un cammino di costante crescita. Basti pensare alla semifinale playoff raggiunta nel 2021, dopo una regular season che solo per varie vicissitudini legate al Covid non è stata chiusa al primo posto. 

Nando Marino-2-12

Happy Casa Brindisi: vincere a Brescia per puntare al sesto posto

Il presidente Nando Marino (foto in alto) ha costruito in questo decennio una società ben strutturata, con grandi professionalità. Si parte ogni anno con l’obiettivo di una salvezza tranquilla, ma in realtà il target cui ambisce la tifoseria è quello, come minimo, dell’ottavo posto: l’ultimo che garantisce la partecipazione ai playoff.

Per questo si sta vivendo con una certa tribolazione l’attuale fase di campionato. Reduci da due sconfitte consecutive, gli uomini di coach Vitucci dovranno cercare di sconfiggere sia Brescia che Trieste (rivale dell’ultima giornata di regular season) per scalzare Trentino dal sesto posto. Importantissima quindi la trasferta odierna, in una domenica in cui ci sarà da soffrire, all’insegna dei colori biancazzurri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai 7mila del Fanuzzi al PalaLeonessa: una domenica adrenalinica per lo sport brindisino

BrindisiReport è in caricamento