homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Il circo impazzito: nomi dei sospettati su Facebook e Twitter

Ormai il circo mediatico si è messo in moto e c'è sempre qualcuno pronto a bruciare un nome o una notizia. Tanto chi se ne frega: pur di poter dire "siamo stati i primi a pubblicarlo", si danno in pasto all'opinione pubblica nomi e cognomi di gente non indagata, ma solo condotta in questura per essere interrogata. E se lo scrive un giornalista, lo devono scrivere tutti, perché altrimenti si rischia di bucare la notizia. L'attentato al Morvillo-Falcone e la morte di Melissa Bassi rischiano così di diventare un nuovo caso Scazzi.

Ormai il circo mediatico si è messo in moto e c'è sempre qualcuno pronto a bruciare un nome o una notizia. Tanto chi se ne frega: pur di poter dire "siamo stati i primi a pubblicarlo", si danno in pasto all'opinione pubblica nomi e cognomi di gente non indagata, ma solo condotta in questura per essere interrogata. E se lo scrive un giornalista, lo devono scrivere tutti, perché altrimenti si rischia di bucare la notizia. L'attentato al Morvillo-Falcone e la morte di Melissa Bassi rischiano così di diventare un nuovo caso Scazzi. Nel tardo pomeriggio, dopo ore di attesa davanti alla Questura, è uscita un'auto con quattro persone a bordo, una delle quali si copriva il volto: cinque o sei soggetti non meglio identificati hanno tentato di aprire lo sportello posteriore dell'auto ed hanno battuto i pugni sulla stessa. E tutte le telecamere a riprendere la scena. Dentro, per gli aggressori, c'era l'assassino. O meglio, quello che per questi signori e per qualche giornalista sarebbe l'assassino. Cinque minuti dopo, la capo di gabinetto della questura, Anna Palmisano, è stata costretta ad uscire per "importanti comunicazioni" alla stampa. Tutti pensavano alla notizia dell'arresto, ma il circo è rimasto di nuovo deluso: «Non ci sono indagati, né fermati, né arrestati. Vi prego di farci lavorare con serenità. C'è qualcuno tra voi che sta contribuendo a creare un clima di terrore». Peccato che qualche minuto prima un giornalista locale, su twitter e su facebook, aveva lanciato l'ennesimo scoop: «Arresto per l'omicidio di Melissa, potrebbe essere il radiotecnico ma non ci sono conferme. L'arrestato sta per essere condotto nella casa circondariale di via Appia». I siti di Repubblica e La Stampa invece smentiscono: «A casa l'uomo sospettato». Il circo non riesce più a fermarsi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Lido Cerano non deve essere inghiottito dal mare", avviata raccolta firme

    • Cronaca

      Brucia il parco Saline di Punta della Contessa, ettari a fuoco

    • Cronaca

      Nuota per recuperare un pallone e viene colto da malore

    • Cronaca

      Promozione estiva delle donazioni dell'Avis di Brindisi

    I più letti della settimana

    • Scontro sulla circonvallazione, coinvolta una famiglia: gravi mamma e figlio

    • Nuota per recuperare un pallone e viene colto da malore

    • Rapina Ipercoop, uno degli indagati liberato e arrestato di nuovo

    • Omicidio Tedesco, condanna all’ergastolo per i tre imputati

    • “Mamma, comando io: voglio i soldi da tuo nipote, altrimenti lo denuncio”

    • Ventidue dosi di cocaina sul balcone di casa: arrestato un brindisino

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento