rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Ostuni

Rogo di rifiuti nei pressi del Pilone di Ostuni: scatta il sequestro dell'area

I Carabinieri Forestali del Nucleo Investigativo di Brindisi hanno posto i sigilli ad una zona di 1150 metri quadrati nella località balneare del Comune di Ostuni, al limite esterno del Parco Regionale delle Dune Costiere. Indagini per risalire ai responsabili: forse volevano edificare un muro di recinzione

OSTUNI - Un incendio per eliminare rifiuti e utilizzarne altri, in particolare scarti da demolizioni edili, per riempire uno scavo del terreno “a trincea”, probabilmente per realizzare un muro di recinzione: la scoperta è stata fatta dai carabinieri forestali del Nucleo investigativo di Brindisi, con immediato sequestro di un’area di 1150 mentri quadrati nella località balneare del Pilone, ricadente nel comune di Ostuni, al limite esterno del Parco Regionale delle Dune Costiere.

Sequestro Pilone 2-2-2

L'apposizione dei sigilli è stata comunicata alla Procura della Repubblica di Brindisi. Ora gli accertamenti sono finalizzati alla ricerca e all'individuazione dei responsabili: il sospetto investigativo è che si tratti di qualcuno con interessi nella località balneare. Poiché il suolo è di proprietà del Comune di Ostuni, la superficie sequestrata è stata affidata in custodia giudiziale all’ Ufficio Tecnico della “Città bianca”.

 I reati ipotizzati, al momento, sono abbandono incontrollato di rifiuti speciali e combustione illecita di rifiuti, puniti,  rispettivamente, dagli articoli 255 e 256-bis, comma 1, del Decreto Legislativo 152/2006 “Testo Unico dell’ Ambiente”.

   

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rogo di rifiuti nei pressi del Pilone di Ostuni: scatta il sequestro dell'area

BrindisiReport è in caricamento