menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altre cinque persone in ospedale per intossicazione da funghi

Si tratta di una donna di 85 anni, il marito e altri tre parenti. Solo qualche giorno fa è stata ricoverata un'altra coppia

SAN PIETRO VERNOTICO – Altre cinque persone sono finite in ospedale per intossicazione da funghi. Si tratta di una donna di 85 anni, del marito e di alcuni parenti, tutti di San Donaci. Hanno mangiato funghi velenosi raccolti dal “nonno” in un terreno nei pressi della loro abitazione. Al momento non è stato ancora stabilita la specie ingerita perché i funghi sono stati consumati sia domenica che lunedì ma gli intossicati si sono recati in ospedale due giorni dopo. Difficile, quindi, per gli esperti riuscire a stabilire con esattezza la tipologia, si attendono ulteriori riscontri.

Certo è che la prima ad accusare un malore è stata l’85enne. Giunta in ospedale martedì dagli esami è emersa una probabile intossicazione da funghi, la donna ha confermato di averli consumati. Il giorno successivo, mercoledì al Pronto soccorso del Perrino si sono recati il marito e altri tre parenti. Tutto con sintomi da intossicazione. Sia per la donna che per gli altri sono stati interpellati gli esperti del centro micologico dell’Asl di Brindisi che attraverso il Centro antiveleni di Milano hanno somministrato ai cinque la terapia di disintossicazione. Nessuno corre pericolo di vita.

Solo qualche giorno fa è stata ricoverata una coppia di San Vito dei Normanni, sempre per intossicazione da funghi. Gli esperti continuano a consigliare di non consumarli se non si è certi dell’innocuità. Presso tutti  comando di polizia locale del territorio è esposti il calendario che porta orari e giorni in cui si possono sottoporre i funghi sospetti a micologi.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento