Detenzione illegale di botti, denuncia

ERCHIE – Il padre si dilettava, in passato, nella fabbricazione di fuochi d’artificio da far esplodere durante i festeggiamenti patronali e il figlio custodiva in casa grosse quantità di materiale esplosivo. È stato denunciato nella mattinata di oggi un 39enne, incensurato, del posto, R.D.T. per fabbricazione o commercio abusivo di materiale esplodente ed omessa denuncia di materiale esplodente.

Il campionario di botti sequestrato

ERCHIE – Il padre si dilettava, in passato, nella fabbricazione di fuochi d’artificio da far esplodere durante i festeggiamenti patronali e il figlio custodiva in casa grosse quantità di materiale esplosivo. È stato denunciato nella mattinata di oggi un 39enne, incensurato, del posto, R.D.T. per fabbricazione o commercio abusivo di materiale esplodente ed omessa denuncia di materiale esplodente.

A rinvenire il materiale altamente pericoloso i carabinieri del Nucleo investigativo  del comando provinciale di Brindisi, che nella mattinata di oggi hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione del 39enne ercolano.

I militari hanno rinvenuto alcuni pericolosi artifizi esplodenti di fabbricati artigianalmente, quali: una “batteria da terra” di fattura artigianale del peso complessivo di 3 chili e 700 grammi, 6 “colpi oscuri” del peso complessivo di 1 chilo e 800 grammi, una “peonia assortita” di fabbricazione cinese del peso complessivo di 300 grammi. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento